Covid, a ottobre e novembre crollano le ricerche di lavoro

0
562
cerco_lavoro

(Sesto Potere) – Roma, 1 dicembre 2020 – Crollano le ricerche di lavoro in questa seconda ondata della pandemia. Lo confermano i dati raccolti da Applavoro.it, la piattaforma che punta alla meritocrazia e mette in contatto domanda e offerta. Risulta differente, infatti, la reazione degli utenti ad aprile, rispetto a quella registrata nella seconda metà di ottobre e tutto novembre.

 «I dati registrati negli ultimi due mesi sono davvero preoccupanti – spiega Marco Contemi, fondatore di Applavoro.it . Al contrario di quanto accaduto ad aprile, nel mese di novembre la situazione è letteralmente sprofondata, facendo registrare un pesante risultato negativo (- 61%). La seconda ondata di COVID sembra aver spento le speranze di trovare un impiego, soprattutto per la fascia più giovane (18 – 25)». 

Centro-per-limpiego

Ecco l’andamento mensile da marzo a novembre 2020.

A marzo, quando è esplosa l’emergenza sanitaria, si è registrato un calo del 34,12% rispetto al periodo pre Covid; ad aprile gli utenti hanno fatto registrare una forte impennata per quanto riguarda la ricerca di lavoro on line (+84,43%) rispetto a marzo, registrando addirittura un incremento, anche confrontando il dato con gennaio 2020 (+21,5 %); a maggio si continua a riscontrare una crescita, dovuta sicuramente alla graduale uscita dal lockdown, (+33%); a giugno si registra una frenata rispetto a maggio (-32%), probabilmente a causa delle incertezze sul destino del comparto turistico.  
Per tutto il mese di giugno la stragrande maggioranza delle strutture ricettive non aveva ancora chiaro se avrebbe riaperto oppure no; a luglio si registra una ripresa (+11%) merito anche dell’apertura di moltissime località turistiche e quindi dell’intero comparto legato al turismo. ad agosto, soprattutto nella seconda metà, si registra un ulteriore incremento del +15% rispetto a luglio; a settembre si continua a registrare una forte crescita, riscontrando un +19% rispetto ad agosto. Chiaro segno di ottimismo nei confronti del contenimento della pandemia, e quindi della ripresa a pieno regime delle attività economiche.

centro per l’impiego

 E poi: ad ottobre, in corrispondenza dell’inpennata dei contagi avvenuta nella prima decade del mese, si è registrato un brusco calo degli utenti nella ricerca di lavoro online (-23%). Questo dato era ampiamente prevedibile, come già accaduto a marzo, in corrispondenza con l’esplosione della pandemia (1ª ondata) e nel mese di novembre invece si registra un crollo, come se gli utenti avessero momentaneamente perso le speranze di trovare un’occupazione (-61% rispetto a settembre)».

«Il quadro che si evince da queste statistiche – conclude Contemi – ci mostra chiaramente come gli italiani abbiano reagito in modo molto differente, rispetto alla prima ondata.  Ad aprile infatti, moltissimi sfruttarono il tempo libero a disposizione approfittandone per guardarsi intorno, valutare nuove opportunità, migliorare e aggiornare il curriculum, facendo registrare un picco di traffico e iscritti.  Il nostro consiglio è di non fermarsi, anzi, bisogna sfruttare questo particolare momento per migliorarsi, seguire corsi di formazione e di aggiornamento, realizzare una video presentazione professionale da inviare alle aziende,  e per focalizzarsi sul profondo mutamento del mercato del lavoro, e quindi, su quali saranno le skills ed i profili sempre più richiesti in futuro così da farsi trovare pronti per la ripartenza».