Covid, 130.556 persone vaccinate in Emilia-Romagna

0
224
Punto vaccinale ph Paolo Righi Ausl Bologna

(Sesto Potere) – Roma – 21 febbraio 2021 – Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa prima fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su (dal 1^ marzo prenotazioni aperte anche per quelle dagli 80 agli 84 anni).

Alle ore 16.06 sono state somministrate complessivamente 325.760 dosicui 3641 oggi sempre a quell’ora; sul totale, 130.556 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale, di queste 87313 sono donne., sul totale 67485 sono persone di età compresa fra i 50 e i 59 anni.

Il conteggio progressivo delle somministrazioni effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento, https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quante sono le seconde dosi somministrate.

Ieri l’assessore regionale alle Politiche per la Salute Raffaele Donini ha celebrato il 20 febbraio, Giornata degli operatori sanitari, all’Ospedale Maggiore di Bologna, insieme all’Ordine degli Infermieri, ed ha ricordato Maurizio Magotti e Sergio Bonazzi, mancati troppo presto, e ringraziato Elisa Nava e Daniele Celin, qui nella foto, che con il loro coraggio hanno permesso di far nascere una nuova vita e di salvarne un’altra dalla morte.

Ed oggi, in tutta Italia, si ricorda che, giusto un anno fa, il 21 febbraio 2020, veniva confermato a Codogno il primo paziente contagiato da Covid-19. E nell’occasione Donini ringrazia gli operatori sanitari da un anno esatto “in trincea”, “un’esperienza indelebile”, un ricordo: “Per non abbandonare la speranza. Per riconquistarci il futuro. Per vincere una guerra contro un nemico spietato e cinico, che ci affligge proprio puntando sulla nostra voglia di stare insieme, di vivere gli affetti più cari, di aprirci alle relazioni con gli altri. Può farci ripiegare ancora un po’: Ma alla fine lo sconfiggeremo, con le armi della scienza, della responsabilità e della nostra umanità”: è il messaggio finale dell’assessore regionale.