Coronavirus, Ricci (Ugl sicurezza civile) Ravenna: Gli istituti di vigilanza si mettano in regola con le prescrizioni sanitarie

0
271

(Sesto Potere) – Ravenna – 18 marzo 2020 – “In questa contingenza di emergenza sanitaria da Coronavirus, c’è una categoria di lavoratori in prima linea che rischia come e più di altri. Si tratta delle guardie giurate armate e non, tuttora in servizio in vari luoghi pubblici e privati. Pochi giorni fa , in Piemonte, una guardia giurata che svolgeva il suo incarico all’esterno di un centro commerciale è stata ricoverata all’ospedale perché risultata positiva al virus Covid-19. Dobbiamo aspettare che ci scappi il morto? Perché alcune aziende, parliamo degli istituti di vigilanza, a tutt’oggi non hanno garantito ai propri dipendenti i dispositivi di protezione individuale come: gel, mascherine e guanti? Perché non sono stati sanificati e non si procede alla igienizzazione giornaliera di auto e furgoni?”:

maurizio ricci

a porre la domanda è Maurizio Ricci, segretario provinciale di Ravenna dell’Ugl Sicurezza Civile, il sindacato più rappresentativo delle guardie giurate.

guardia giurata

“A fronte di poche aziende che hanno compiuto sforzi per contenere al massimo le possibilità di contagio, ponendo in essere tutte quelle misure precauzionali previste dai protocolli emanati dal Ministero della Salute che incentivavano l’utilizzo di mascherine, guanti e l’installazione di presidi disinfettanti, ve ne sono altre che per volontà o per impossibilità non sono riuscite ad ottemperare alle misure imposte dal governo. Ve ne sono alcune che, evidentemente, non ritengono prioritario salvaguardare la salute dei lavoratori. Dunque per tutelare i diritti delle guardie giurate e garantire che il rischio del contagio del virus Covid-19 non si possa accentuare avvisiamo che d’ora in poi ogni azienda che non si trovasse in regola con le norme nazionale verrà segnalata alle autorità competenti”:

conclude il segretario provinciale di Ravenna dell’Ugl Sicurezza Civile, Maurizio Ricci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here