Coronavirus e turismo, Antonino Miccio: “Cominciamo a fare turismo upside down”

0
117
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

(Sesto Potere) – Pescasseroli (AQ) – 7 marzo 2020 – Le statistiche parlano di un calo drastico degli arrivi e dei flussi turistici nel nostro Paese a causa della psicosi generata dal Coronavirus.

Parco nazionale d’Abruzzo

“Questo è il momento di visitare, magari da soli i posti dimenticati e fantastici. In Italia esistono numerosi borghi fantasma dove è possibile trascorrere qualche ora con il silenzio e la natura. Facciamo di questa tegola un’opportunità. Cominciamo a fare turismo “upside down”. Lasciamo per qualche giorno le città super affollate e visitiamo parchi all’aria aperta, passeggiamo su spiagge deserte. Quale migliore occasione per fermarsi, riflettere e guardare il nostro patrimonio ambientale? ”:

lancia la proposta Antonino Miccio, Vice Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana dei Direttori delle Aree Protette d’Italia.

“Noi non siamo gli untori del Mondo. Anzi nella nostra Italia oltre ad un Sistema Nazionale Sanitario vera eccellenza abbiamo anche un meraviglioso sistema Museale di Beni Culturali, di Parchi Nazionali e Regionali all’aria aperta. E’ l’Italia della bellezza ben terza al mondo per numero di Geoparchi con ricchezza geologica, patrimonio ambientale unico, Aree Marine Protette. Abbiamo tutto il bello che si possa avere.  Noi ci siamo.  Siamo pronti a fare la nostra parte”: è l’invito di Antonino Miccio.

leonardo

E il Vice Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana dei Direttori delle Aree Protette d’Italia propone un ideale itinerario lungo i sentieri appenninici e nelle calette delle nostre isole e peninsulari o sulle spiagge delle nostre coste, ben 7500 Km dove presumibilmente si potranno incontrare poche persone ma in compenso ci si potrà imbattere in tanta natura.  

“Apriamo finestre e balconi ed ammiriamo quanto abbiamo perché da noi il bello è dietro casa. Noi siamo l’Italia, la Patria del bello, dei paesaggi di Leonardo, Raffaello e non solo ed allora guardiamoli, ora!”: conclude Antonino Miccio

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here