Coronavirus, Bevilacqua (Ugl Emilia-Romagna) chiede a Bonaccini fondi Ue Por e Psr per aiutare famiglie e Pmi

0
128
tullia bevilacqua

(Sesto Potere) – Bologna – 13 marzo 2020 – “Il difficile momento economico e sociale che attanaglia il nostro Paese, la nostra regione, tutte le province dell’Emilia-Romagna, a causa dell’ emergenza epidemiologica da Covid -19, chiediamo l’attivazione immediata ed efficace di azioni a sostegno delle imprese, delle famiglie, delle fasce più deboli, visto che non c’è categoria che non sia coinvolta dalla crisi e che non debba essere sostenuta in questa fase particolarmente cruciale e di sacrifici imposti da una forzata emergenza socio-economica”: a lanciare la richiesta è la segretaria regionale Emilia-Romagna dell’Ugl, Tullia Bevilacqua, che per dar seguito al proposito ha inviato una lettera al presidente della Regione Stefano Bonaccini

Tullia Bevilacqua

“Le misure del governo attivate per assicurare un primo supporto ai cittadini e alle imprese a nostro parere , ma anche a giudizio di molte altre forze sociali e politiche, sono del tutto insufficienti rispetto alle esigenze reali del Paese. E, seppur in queste ore sia stato annunciato uno stanziamento di 25 miliardi di euro con un ulteriore scostamento dal deficit, la crisi è talmente radicale che per fronteggiarla al meglio tale somma appare minima e, soprattutto, non sostenibile nel tempo. Per queste ragioni si chiede di agire in ambito locale in aggiunta alle misure nazionali, per reperire risorse non ancora spese e/o impegnate , per esempio quelle dei fondi europei dei POR – Programmi Operativi Regionali del Fondo Sociale Europeo e del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, posto che gli interventi che saranno eventualmente finanziati e attivati potranno essere ripresentati nella nuova programmazione 2021/2027”: spiega Tullia Bevilacqua.

Bonaccini

Nel dettaglio, si tratta di azioni finalizzate all’inclusione sociale e alla crescita ed al mantenimento delle imprese, che preverdono anche , per importi non superiori ai 50.000 euro, finanziamenti a fondo perduto.

“Per le Pmi chiediamo di favorire al massimo le anticipazioni dei finanziamenti già ottenuti e accelerare i pagamenti. Rinviando gli adempimenti per coloro abbiano ottenuto il finanziamento e non possono rispettare le scadenze. Attivare incentivi e contributi per lo smartworking. Finanziare il credito alle imprese che, in ambito regionale, hanno presentato domande di incentivi, inglobando anche quelle aziende in fase di scorrimento di graduatoria. Attivare bandi a sportello, con procedura d’urgenza, anche per l’utilizzo delle risorse del PSR – Programmi del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale per il finanziamento di progetti di durata annuale finalizzati a ripristinare la domanda/offerta della produzione ed incentivare i lavoratori. Differenziando i bandi per categoria di riferimento: Turismo, Industria e Servizi sociali”: sono le proposte del segretario regionale Emilia-Romagna dell’Ugl, Tullia Bevilacqua,

Per le famiglie l’Ugl Emilia-Romagna chiede di attivare misure per gli anziani quali i servizi di ascolto e di assistenza; incentivi per le famiglie con a carico diversamente abili; bonus concessi direttamente al nucleo familiare per gli asili nido; incentivi per la didattica on line, in aggiunta a quanto già previsto, tenuto conto che non tutte le famiglie sono in possesso degli strumenti informatici necessari, specie per gli studenti più a rischio.

Tullia Bevilacqua, infine, sempre per sostenere lavoratori e aziende e fronteggiare le ricadute economiche provocate dall’emergenza sanitaria provocata dal Coronavirus, sottolinea l’importanza dell’accordo sottoscritto nei giorni scorsi dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini , e da tutti i firmatari , compresa l’Ugl, del Patto regionale del Lavoro per gli ammortizzatori sociali e la Cassa integrazione in deroga con un fondo di 38 milioni di euro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here