Coronavirus, al Nord sale a 58 il numero delle persone contagiate. All’ospedale di Piacenza 2 nuovi casi positivi

0
153

(Sesto Potere) – Milano – 22 febbraio 2020 – Sale a 58 il numero delle persone contagiate dal Coronavirus al Nord: 46 in Lombardia,  11 in Veneto , 1 in Piemonte. E poi ci sono altri casi: uno sospetto in Umbria, all’ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ci sono 77 pazienti sottoposti al test per la ricerca del virus ed il cinese che era stato ricoverato assieme alla moglie è risultato nel frattempo negativo ed oggi – assicura l’assessore alla Salute della Regione Lazio – è in buone condizioni di salute.

Intanto, in Emilia-Romagna, hanno dato esito positivo, per quanto riguarda la presenza di coronavirus, due nuovi casi relativi a pazienti ricoverati presso l’ospedale di Piacenza. Si tratta di un paziente residente a Maleo, in provincia di Lodi, in Lombardia, e dell’infermiere piacentino addetto al triage all’ospedale di Codogno, sempre in Lombardia, venuto in contatto con il primo paziente contagiato quando era al proprio posto di lavoro nel nosocomio lombardo. L’ infermiere, che vive da solo, si era messo in isolamento volontario in casa propria.

Ambedue si trovano in isolamento nel reparto Malattie infettive dell’ospedale di Piacenza , non sono in condizioni critiche, e stanno ricevendo tutte le cure del caso. “Confermo che al momento non abbiamo un focolaio in Emilia-Romagna o trasmissione del virus nel territorio regionale- spiega Sergio Venturi, assessore regionale alla Salute- stiamo infatti assistendo tre persone che hanno contratto il Coronavirus in Lombardia”.

ospedale piacenza

Il terzo caso di Coronavirus accertato all’ospedale di Piacenza di cui avevamo dato notizia in mattinata – riguarda una signora 82enne, residente in uno dei Comuni lombardi particolarmente colpiti dal virus, Codogno.

A Foligno, nella sede della Protezione Civile, la Task Force attivata dalla Regione Umbria per fronteggiare e prevenire la diffusione dell’infezione da Coronavirus – in diretta con i componenti del Comitato operativo sul Coronavirus riunitosi oggi al Dipartimento della Protezione Civile di Roma (vedi foto in alto) – ha trattato il caso di una persona che presenta caratteristiche di  “sospetto” già comunque, da subito, monitorato dai servizi sanitari territoriali.    Si tratta di un soggetto, ora in isolamento, ospitato in una piccola struttura ricettiva umbra che presenta sintomi respiratori e che avrebbe avuto  contatti in tempi recenti con un soggetto che appare abbia contratto l’infezione da Coronavirus in Lombardia.

La Regione Umbria precisa che le organizzazione sanitarie regionali  si sono attivate per ospedalizzare la persona con sintomi e mettere in sicurezza tutti i contatti, al fine di annullare il rischio della collettività.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here