Coronavirus, accordo Comune Forlì – Cgil/Cisl/Uil sulle rette, polemica Ugl : Noi esclusi

0
163
casara e zattini

(Sesto Potere) – Forlì – 6 marzo 2020 – Questa mattina l’assessore alla scuola del Comune di Forlì, Paola Casara, ha presentato pubblicamente un accordo con Cgil, Cisl e Uil che riguarda le rette di asili e scuole materne comunali e il re-impiego del personale scolastico.

casara e zattini

Un accordo che – fra l’altro – prevede sconti nelle rette di asili nido e scuole dell’infanzia ed anche un allungamento dell’anno scolastico a fino ai primi giorni di luglio.

Nel dettaglio, l’amministrazione comunale disporrà uno sconto del 10% per le materne e del 15% degli asili nido sulle le rette di febbraio, uno sconto del 50% a causa della sospensione delle attività fino al 15 marzo nel mese in corso, che si potrà estendere fino al 75% e poi al 100% in caso di chiusura fino al 31.

delegazione Ugl alla riunione pubblica del 28 febbraio scorso

Misure condivise dal sindacato Ugl di Forlì che però innescano una critica affidata ad un comunicato stampa.

“E’ un accordo a cui s’è giunti senza consultare un sindacato confederale e ugualmente rappresentativo come l’Ugl. Un’esclusione che valutiamo come una grave scorrettezza istituzionale ed anche un dietro front rispetto a quanto stabilito nella riunione pubblica del 28 febbraio scorso, dove si era deciso un percorso di concertazione che includesse ogni sigla ed ogni associazione nel percorso di contrasto al Coronavirus”: accusa Filippo Lo Giudice, segretario di Ugl di Forlì-Cesena-Rimini e Ravenna.

“Dimostrando una parzialità che non si addice ad un amministratore pubblico che deve garantire ogni rappresentanza regolarmente costituita, Paola Casara s’è dimostrata meno democratica del governatore Bonaccini che, con ben altro stile e nel rispetto di una prassi istituzionale ineccepibile, ha convocato proprio oggi tutti i sindacati, le parti sociali e datoriali, per firmare il nuovo accordo sulla cassa integrazione in deroga alla luce degli effetti del Coronavirus”: nota Filippo Lo Giudice.

“Non aver partecipato al dibattito fra amministrazione comunale di Forlì e sindacati sulle misure da adottare in favore dei lavoratori dei servizi scolastici in questa particolare contingenza crea un vulnus nella possibilità di tutelare al meglio i nostri iscritti. Non abbiamo potuto comunicare loro in tempo reale i provvedimenti che avranno cogenza nell’immediato e nel futuro a livello locale. Così come l’assessore Casara s’è dimostrata scorretta due volte nel divulgare a mezzo stampa , dopo aver consultato soltanto una parte dei sindacati e non tutti quelli rappresentativi, le misure che avranno valore per le famiglie con bimbi iscritti alle scuole dell’infanzia pubbliche e private convenzionate. Un’assoluta mancanza di rispetto istituzionale che macchia un sereno rapporto fra le parti e che non potrà non incidere nel rapporto futuro fra la nostra sigla e la giunta del sindaco Zattini”: aggiunge il segretario Ugl , Filippo Lo Giudice.

“Oltre al fatto che in questa fase di emergenza sociale sul Coronavirus , l’ amministrazione comunale di Forlì ha dimostrato di sviare gravemente dalle indicazioni fornite dal premier Conte e dal capo dello Stato Mattarella di concertare ogni iniziativa istituzionale nel segno della concordia e della collaborazione fra le parti senza preclusioni rispetto a diverse appartenenze ideologico-sociali”: conclude il segretario di Ugl di Forlì-Cesena-Rimini e Ravenna, Filippo lo Giudice.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here