Controlli polizia Stradale, tre arresti a Rimini

(Sesto Potere) – Rimini – 10 settembre 2019 – Erano le ore 02.00 circa di questa notte quando, una pattuglia della Polizia Stradale di Rimini, durante, un posto di controllo mirato alla prevenzione e contrasto al fenomeno della guida sotto gli effetti di sostanze stupefacenti, a Rimini, in via Destra del Porto, notava un’autovettura sopraggiungere a forte velocità che, alla vista degli operatori, immediatamente arrestava la marcia e cercava di “parcheggiare” con una brusca manovra nel primo dei posti liberi sulla sinistra della carreggiata.

polizia-stradale

Gli operatori raggiungevano immediatamente a piedi tale auto alla cui guida risultava un 26enne di origine egiziana regolare sul territorio nazionale, che dichiarava di aver dimenticato a casa la patente di guida (che, dopo il controllo, risultava essere scaduta da due anni) e di non avere con sé altri documenti. L’autovettura, al cui interno si trovavano tre  passeggeri (una 19enne originaria di Rimini, un 34enne originario di Bologna e una 18enne originaria della Romania), risultava di  proprietà di una società di noleggio auto.

Sin dalle prime fasi del controllo l’egiziano si mostrava in evidente stato di agitazione e cercava in tutti i modi di non scendere dall’autovettura da lui guidata. Nel frangente sopraggiungeva un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia temporaneamente aggregato presso la Questura di Rimini  che, visto il controllo in corso si fermava per dare l’ausilio necessario.

Mentre le due ragazze risultavano prive di precedenti, nei confronti dei due uomini, gravavano numerosi pregiudizi di Polizia per reati di vario genere legati alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

polizia stradale

In considerazione dell’apparente immotivato stato di agitazione, il conducente veniva fatto scendere dal veicolo e, celato tra lo schienale e la seduta, gli operatori di polizia trovavano un involucro contenente sostanza stupefacente in cristalli del tipo “SHABOO”. A questo punto i poliziotti procedevano a perquisire il veicolo rinvenendo altre dosi di sostanza stupefacente di tipo cocaina.

Le due ragazze riferivano di essere totalmente all’oscuro di quanto rinvenuto.

Gli operatori procedevano pertanto a perquisire anche l’abitazione dei due uomini e all’interno della stessa rinvenivano altri involucri di sostanza stupefacente di tipo cocaina,  una confezione di bicarbonato aperta (sostanza che solitamente viene usata per tagliare la cocaina), una pipa con fornello a imbuto usata per fumare l’hashish,   1 water pipe,  4 quadrati di carta stagnola pronti per la confezione, un bilancino di precisione,  1 involucro di cellophane di colore bianco tagliato per contenere sostanza stupefacente e per essere termosaldato,   2 accendini e banconote per un totale di 550 euro.

Tutto il materiale rinvenuto veniva posto sotto sequestro dai poliziotti i quali procedevano ad arrestare entrambi gli individui per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Avvisata l’autorità giudiziaria competente, ne disponeva il processo per direttissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *