Continua la crescita delle imprese straniere (+2,6%) in Emilia-Romagna

0
228

(Sesto Potere) – Bologna – 26 novembre 2020 – Le imprese straniere in regione giungono a quota 50.382 con una accelerazione della crescita rispetto allo scorso anno (+2,6 per cento, +1.283 unità), mentre prosegue costante la riduzione delle altre imprese (-1,1 per cento). Questo emerge da un’elaborazione di Unioncamere su dati del Registro delle imprese in merito al  III trimestre 2020.

L’Emilia-Romagna è l’ottava regione per crescita delle imprese straniere, davanti a Lombardia (+1,8 per cento), Veneto e Toscana, ma dietro al Piemonte. Sono le società a responsabilità limitata semplificata a sostenere il boom delle società di capitale (+10,9 per cento, +606 unità), mentre si rafforza la crescita delle ditte individuali (+1,7 per cento).

L’espansione si concentra nell’aggregato dei servizi (+641 imprese, +2,5 per cento), in particolare, nelle altre attività di servizi (+135), nel commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+9,5 per cento, +128 unità), nei servizi di alloggio e ristorazione (+125), e nelle costruzioni (+528 unità, +3,0 per cento) nelle quali la crescita è la più ampia degli ultimi 9 anni.