Confedilizia Forlì-Cesena: on line la “Maratona per la libertà – No al blocco degli sfratti”

0
205
casa in vendita

(Sesto Potere) – Forlì – 20 aprile 2021 – Confedilizia Forlì-Cesena invita a seguire la “Maratona per la libertà – No al blocco degli sfratti” che si svolgerà in diretta streaming sulla pagina facebook “Confedilizia” mercoledì 21 aprile 2021, a partire dalle ore 10. Tanti gli interventi previsti, tra cui quello del presidente nazionale di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, del presidente del Centro studi Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, di uomini di cultura, docenti universitari e giornalisti, tra cui Mario Giordano, Nicola Porro, Daniele Capezzone.

Carlo Caselli Stefano Senzani e Vincenzo Bongiorno

Il presidente provinciale di Confedilizia, Carlo Caselli, il vicario Stefano Senzani e il segretario generale Vincenzo Bongiorno osservano: “Non ci stancheremo mai di affermare, in linea con i vertici nazionali della nostra Associazione, un deciso no al blocco degli sfratti. è una misura che ha messo in ginocchio migliaia di famiglie, private da oltre un anno della disponibilità dei loro beni, senza redditi, senza risarcimenti, costrette a pagare le spese di gestione e neppure esentate dall’Imu. E’ necessario aiutare persone e famiglie messe in grave difficoltà, poiché hanno nella riscossione dell’affitto una parte importante del proprio reddito”.

Tra i numerosi casi andati alla ribalta della cronaca, vi è quello del forlivese Carlo Casadei, intervenuto lo scorso dicembre su Rete 4 per raccontare la sua storia: per un anno non ha percepito i 277 euro d’affitto del negozio di proprietà, utili ad integrare la sua pensione di 515 euro mensili. E poi al danno, si aggiunge la beffa: con la denuncia dei redditi 2021 dovrà dichiarare, con relativa imposizione Irpef, un intero anno di mensilità d’affitto, in realtà mai percepite.

Il direttivo di Confedilizia Forlì-Cesena invita la cittadinanza a segnalare le esperienze dei singoli, dei quali l’Associazione si farà portavoce anche a livello nazionale perché le Istituzioni pongano fine a questa situazione divenuta insostenibile per il Paese.