(Sesto Potere) – Cesena – 11 marzo 2022 – L’escalation dei prezzi dei carburanti sta mettendo in ginocchio anche le imprese del trasporto persone, già colpitissime durante la pandemia, per le quali Confartigianato chiede un credito d’imposta sull’acquisto dei carburanti da autotrazione nella misura del 30% del costo della materia prima al netto dell’Iva, l’introduzione, nei contratti di trasporto, di una clausola di adeguamento dei costi di trasporto al costo del carburante, l’introduzione del cosiddetto “carburante professionale”, con prezzo calmierato alla pompa, come già avviene per il carburante agricolo”.

“Anche le imprese del trasporto persone, come quelle del trasporto merci. sono nella morsa tremenda del caro energia e caro carburante e vanno sostenute – afferma il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena (Stefano Ruffilli, Daniela Pedduzza e Marcello Grassi, nella foto in alto) – . Sul fronte delle imprese di trasporto merci, costrette addirittura a spegnere i motori per non lavorare in perdita a causa dei rincari vertiginosi del gasolio, Confartigianato ritiene indispensabile introdurre un credito d’imposta sul prezzo industriale del gasolio, misura straordinaria per calmierare il maggior costo del carburante e garantire a migliaia di operatori dell’autotrasporto di recuperare almeno una quota dei maggiori costi. Più in generale i rincari dell’energia si sono abbattuti sulle piccole imprese con un peso insostenibile”.

Nel primo trimestre 2022, un chilovattora di energia elettrica, per la sola materia prima, costa a una micro impresa il 360% in più rispetto all’anno scorso e un metro cubo di gas naturale il 336% in più. Il prezzo del gasolio alla pompa ha subito un aumento tendenziale del 45,1% al 10 marzo, con un’impennata del 20% dal 22 febbraio ad oggi.

traffico in autostrada, auto, camion

Confartigianato è intervenuta in audizione sul Dl Energia alle Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera, ha ribadito “la gravità della situazione in cui versano gli imprenditori a causa dei costi energetici”.

“Sosteniamo la necessità di mantenere le apprezzabili misure di sostegno diretto alle imprese – afferma il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena _ ma consentendo anche alle piccole imprese di accedere al credito d’imposta per energia e gas previsto per le aziende energivore. Nel contempo Confartigianato sollecita l’impegno a costruire le condizioni per una progressiva autosufficienza, diversificando le fonti di approvvigionamento energetico e ampliando la produzione nazionale, anche puntando sulle energie rinnovabili e sui sistemi di generazione distribuita. A questo proposito, Confartigianato contesta l’eliminazione dal Dl Energia del fondo per promuovere la produzione di energia elettrica rinnovabile e l’autoconsumo per le piccole e medie imprese. Tra le priorità c’è anche il sostegno alla filiera delle costruzioni per favorire la riqualificazione energetica degli immobili residenziali e dei luoghi di produzione”.