(Sesto Potere) – Cesena – 26 luglio 2022 – Ridurre i costi dell’energia e l’impatto dell’inflazione e risolvere il problema dei 5,2 miliardi di crediti incagliati legati ai bonus edilizia. Sono le emergenze indicate dal Presidente di Confartigianato 
durante l’incontro con il Governo.

“Confartigianato – rimarca il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena: Daniela Pedduzza, Stefano Ruffilli e Marcello Grassi (nella foto in alto) – chiede di sostenere le piccole imprese e i lavoratori indipendenti sia con misure immediate per ridurre l’impatto dei rincari dell’energia sia con gli interventi strutturali previsti dal Pnrr e i provvedimenti della prossima Legge di Bilancio. Le nostre imprese pagano l’energia elettrica l’81% in più rispetto allo scorso anno e il gas il 63% in più. Per attenuare l’impatto di questi aumenti, chiediamo la proroga per il 4° trimestre 2022 del taglio dei costi dell’energia con l’azzeramento degli oneri generali di sistema per luce e gas e la proroga del credito d’imposta per il 2° e 3 trimestre dell’anno sui costi di elettricità e gas per le imprese non energivore e non gasivore”.

Confartigianato ha poi sottolineato la necessità di garantire la riduzione delle accise sui carburanti in scadenza il prossimo 21 agosto e l’immediata fruizione dei 500 milioni previsti a favore autotrasporto.

“Tra le priorità indicate da Confartigianato- aggiunge il Gruppo di Presidenza Cesena – la soluzione del grave problema dei miliardi di crediti fiscali incagliati delle imprese che hanno eseguito lavori incentivati dai bonus edilizia. Una situazione che mette a rischio la sopravvivenza delle aziende di costruzioni e di 47mila posti di lavoro”.

Confartigianato auspica l’intervento diretto di Cassa Depositi e Prestiti e di Poste Spa in qualità di compratori di ultima istanza per i crediti non più commerciabili.

“Sul fronte della lotta all’inflazione, è necessario prevedere il bonus da 200 euro anche per i lavoratori autonomi, abbassando a 25mila la soglia d’accesso. Va anche proseguito con decisione il percorso di attuazione del Pnrr, garantendo l’efficienza amministrativa e realizzando le riforme e gli investimenti che, in particolare per quelli riguardanti gli enti locali, devono valorizzare le imprese di prossimità”: conclude il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena  formato da Stefano Ruffilli (autotrasportatore), Marcello Grassi (imprenditore nel settore del montaggio e assemblaggio di biciclette) e Daniela Pedduzza (professionista dello Studio associata di Ingegneria Matassoni).