Conad Parma, Piacenza e Reggio: dona 22.000 euro a sostegno del Mire

0
259

(Sesto Potere) – Reggio Emilia – 3 gennaio 2021 – Sono stati consegnati nei giorni scorsi presso l’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia i fondi raccolti grazie all’iniziativa promossa da Conad “Natale Prezioso” attiva dal 28 ottobre fino al 6 dicembre in tutti i punti vendita in cui opera Conad Centro Nord: Lombardia e Emilia Romagna (per le province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia).

Per ciascun acquisto di una delle 6 sfere a tema natalizio in vetro soffiato decorate a mano nel Nord Europa da esperti maestri artigiani per Brandani sono stati donati 0,50 euro a favore di enti e associazioni territoriali a sostegno di sei progetti solidali rivolti per lo più ai bambini raccogliendo una somma totale pari a 90 mila euro.

Per la provincia di Reggio Emilia sono stati raccolti 22.000 euro a favore dell’Associazione CuraRE Onlus, nata nel 2011 per sostenere la realizzazione del MIRE, Maternità Infanzia Reggio Emilia, un nuovo edificio che sorgerà all’interno dell’Arcispedale Santa Maria Nuova e che avrà come obiettivo la tutela della salute della donna, del neonato e del bambino.

Grazie alla donazione, la Neonatologia del Santa Maria Nuova disporrà di un’apparecchiatura di ultimissima generazione che garantisce il costante monitoraggio delle funzioni cerebrali del neonato. L’elettroencefalografia ad ampiezza integrata (aEEG) acquisisce ed elabora direttamente dal letto del bambino l’attività elettrica cerebrale e offre un tracciato di facile e immediata interpretazione. La strumentazione permette l’individuazione dei soggetti a rischio di esiti neurologici, come quelli affetti da asfissia alla nascita, per indirizzarli a un tempestivo trattamento terapeutico, quale l’ipotermia, che si è dimostrata procedura di grande efficacia e sicurezza.

Grazie a questa donazione, nel futuro MIRE i neonati della provincia reggiana avranno a disposizione una tecnologia altamente innovativa, in grado di migliorare la qualità dell’assistenza dopo la nascita, già oggi qualitativamente molto avanzata.