Cibus Parma 2020, dura crisi settore alimentare. Gli italiani esasperano tendenza al risparmio

0
173
supermercato vuoto

(Sesto Potere) – Parma – 4 settembre 2020 – Concluso il “Cibus Forum: Food&Beverage e Covid-19: dalla transizione alla trasformazione” al quartiere fieristico di Parma. Nel corso della kermesse è stato presentato anche il Rapporto congiunturale di filiera dall’industria alimentare alla distribuzione, dalle tendenze dei consumi all’export Made in Italy.

E’ vero che il trend semestrale di produzione del settore alimentare segna “soltanto” una variazione tendenziale del -3,3% a fronte del -18,3% dell’universo manifatturiero. Ma questa discesa, per un settore resiliente e anticiclico come il “food and beverage”, rappresenta la peggiore degli ultimi decenni. Dopo la crisi Lehman Brothers il calo della produzione alimentare si fermò al -1,9%.

Il calo tendenziale del fatturato alimentare di maggio (ultimo mese disponibile) segna un -5,8%, più pesante del trend di produzione. Eppure i prezzi alla produzione di giugno crescono con un tendenziale del +0,9%, mentre i prezzi degli alimentari lavorati al consumo sono cresciuti con tendenziali del +1,2% a giugno e del +1,0% a luglio. E’ ipotizzabile che il fatturato di settore, dai 145 miliardi raggiunti nel 2019, scenda quest’anno sotto la soglia dei 140 miliardi. In pratica, il fatturato si avvicinerà alla quota di due anni prima e la produzione
a quella di un anno prima.

L’appesantimento maggiore del fatturato è indicativo della nuova “povertà” dei consumi alimentari innestata dal Covid. Essa può essere indicativamente individuata, in grande media, in 2-3 punti percentuali, che sono il differenziale fatturato-produzione.

Il consumatore italiano ultimamente ha esasperato la tendenza al risparmio emersa in modo strutturale in epoca pre-Covid. Le vendite dei discount alimentari crescono al passo tendenziale del +7%. La pasta, prodotto povero e popolare (in alcuni supermercati è possibile trovare confezioni di mezzo kg. a 39 cent.) sta andando in netta controtendenza. La produzione di pasta del primo semestre cresce del +16%, un tasso mai visto negli ultimi anni. E non basta, perché l’export di pasta dei primi 5 mesi dell’anno sale del +25%! Non
sono tassi casuali. Un “ammortizzatore di spesa” come la pasta sta funzionando alla grande anche sui principali mercati europei e negli stessi USA.

Il carrello della spesa ha perso, quindi, valore unitario medio. Il “fuori casa” negli ultimi anni ha compensato l’erosione delle vendite alimentari domestiche ed è stato prezioso per promuovere le eccellenze, vero punto di forza dell’offerta alimentare italiana.

Dietro la resilienza mostrata dal settore con l’indubbio vantaggio comparativo di alcuni suoi parametri congiunturali (anche l’export presenta una forbice premiante rispetto alla media manifatturiera analoga a quella della produzione, con un +3,0% del settore sui 5 mesi a fronte del -16,4% parallelo del manifatturiero) si palesa in sostanza una riduzione dei margini di contribuzione delle aziende alimentari.

La riduzione dei margini è esplicitata anche dall’andamento dell’export. Nel 2019 il trend in valuta dell’export di settore (+5,2%) si era confrontato con una crescita inferiore in quantità (+3,8%). Si era palesato perciò un apprezzamento medio e indicativo del valore unitario del venduto di circa 1,4 punti. La situazione si è invertita nei primi 5 mesi dell’anno, con un +3,0% in valore, a fronte di un +5,3% in quantità, con una perdita indicativa media stavolta di 2,3 punti.

L’altro fronte si gioca sull’alea del contenimento dell’onda di ritorno dei contagi sui nostri migliori mercati di esportazione. Quindi, sulla loro tonificazione e sulla conseguente stabilizzazione e progressiva ripresa dell’export, da tempo unico driver di sviluppo dell’industria alimentare.

È vero infine che i superdazi americani hanno diradato gli incubi e per l’Italia ad agosto sono stati congelati. Ma non basta. La penalizzazione varata nell’ottobre scorso su una platea di circa 500 milioni di export alimentare sul mercato USA (vero traino di tutto l’export alimentare nazionale 2019) è rimasta. Come rimangono, su questo mercato e nel contesto mondiale, troppe ombre e tanta incertezza. Il disarmo commerciale e il ritorno alla situazione “ante quo” darebbe una spinta importante al nostro export e migliorerebbe in modo significativo il clima generale dei commerci.

In conclusione, si può ipotizzare che, per uscire dall’attuale ‘cavo d’onda’ congiunturale, e soprattutto per farlo in modo persuasivo e sufficientemente solido, bisognerà aspettare, nella migliore delle ipotesi, fino alla prossima estate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here