Chiusura viadotto E45: secondo vertice in pochi giorni a Cesena

(Sesto Potere) – Cesena – 27 gennaio 2019 – Un primo stanziamento di 250 mila euro di risorse regionali immediatamente disponibili per imprese e lavoratori, studenti e famiglie della Valle del Savio e dei Comuni di Roncofreddo e Sogliano al Rubicone, e la richiesta, d’intesa con le Regioni Toscana e Umbria, dello stato di emergenza nazionale per il territorio delle Province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.

vertice E45

Le due novità, per rispondere alle richieste dei territori colpiti dalla chiusura della E45, sono state illustrate a Cesena dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, nel corso del nuovo, secondo,  vertice con i sindaci, le associazioni d’impresa e i sindacati, alla presenza dell’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo.

Accanto alle risorse previste dallo stato di crisi regionale, la Regione ha deciso di mettere a disposizione anche un altro strumento già previsto dalla legge di bilancio: il contributo, in termini di ristoro di Irap, già previsto per tutte le imprese dei comuni montani, sarà esteso a tutte quelle direttamente colpite nella zona, che potranno godere automaticamente di questo beneficio sull’Irap già pagata nel 2018.

Elemento qualificante dell’intervento, particolarmente apprezzato da imprese e sindacati, sarà la velocità e la semplicità: spetterà infatti all’Unione e ai Comuni provvedere direttamente alla gestione delle domande e

E45 vertice cesena

all’erogazione dei contributi economici, massimizzando così l’efficacia del sostegno regionale.

La dichiarazione di stato di crisi regionale
E’ stato firmato dal presidente Bonaccini il decreto che dichiara lo stato di crisi regionale per una durata di 180 giorni, con un primo stanziamento di 250 mila euro, attraverso l’Agenzia regionale per la sicurezza e la protezione civile, a disposizione dei comuni più colpiti: quelli dell’Unione del Savio, a cui si aggiungono Roncofreddo e Sogliano al Rubicone e altri in corso di esame.

Lunedì la Giunta regionale approverà la delibera che stanzia le risorse. E, intanto, il presidente Bonaccini per l’Emilia-Romagna, di concerto con Umbria e Toscana, invierà al Governo la richiesta di deliberazione dello stato di emergenza nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *