Chiusura Puleto, Confartigianato Cesena: indennizzi alle imprese colpite

0
232

(Sesto Potere) – Cesena – 11 febbraio 2021 – “Confartigianato Cesena non ha mai mollato la presa e ha continuato in tutti questi mesi a richiedere un intervento di sostegno a favore di tutte le imprese che furono penalizzate per la chiusura del viadotto Puleto, non solo quelle che sospesero l’attività, e quindi salutiamo con favore l’azione dell’onorevole Di Maio e del consigliere regionale Bulbi che si stanno battendo affinché questo obiettivo possa essere conseguito. Speriamo vivamente – afferma il Gruppo di Presidenza Confartigianato Cesena – che il Parlamento modifichi la norma e consenta di avere ristori anche alle imprese che non furono costrette a sospendere le attività, ma che subirono comunque maggiori costi per dover utilizzare tragitti alternativi all’E45″.

Tante imprese della Valle del Savio e dei territori limitrofi di tutto il Cesenate sono state colpite dalla chiusura della E45, con danni molto considerevoli, senza ricevere alcun indennizzo. Pertanto – aggiunge Confartigianato Cesena – è più che doveroso il riconoscimento di un contributo una tantum fino a 15mila euro anche a imprese, lavoratori co.co.co, titolari di agenzia e di rappresentanza commerciali danneggiati”.

“Questo riconoscimento del contributo – aggiunge il Gruppo di Presidenza Confartigianato – è ciò che chiede l’emendamento al decreto Milleproroghe presentato dal deputato forlivese Di Maio, facendo seguito alle istanze raccolte sul territorio e su impulso del consigliere regionale Bulbi. Dopo il ricorso contro la dichiarazione di inammissibilità emessa dalla Commissione, l’emendamento ed è stato accolto, consentendo così la sua riammissione alla discussione. Un ottimo risultato”. 

Confartigianato Cesena auspica: “che l’emendamento venga approvato e confidiamo quindi in un trasversale sostegno di tutte le forze politiche e in un parere positivo da parte dei ministeri competenti. Il gioco di squadra realizzato sul territorio è un esempio virtuoso di buona politica e speriamo possa condurre all’approvazione della norma, così tanta attesa dalle imprese delle zone colpite dalla chiusura del viadotto del Puleto”.