Chiusura Polstrada Rocca, l’amarezza di Confartigianato Forlì

0
194

(Sesto Potere) – Forlì – 31 marzo 2021 – “La vicinanza a chi vive e lavora nell’aree interne evidentemente è un tema da campagna elettorale, che, purtroppo, non trova applicazione nella quotidianità.” Non nasconde l’amarezza, il segretario di Confartigianato di Forlì, Marco Valenti, nell’apprendere del decreto di chiusura del presidio della Polizia Stradale di Rocca San Casciano.

“Abbiamo coinvolto anche la Confederazione nazionale affinché intervenga sul tema – aggiunge – . Il presidio è fondamentale per la sicurezza stradale della Statale 67, ma non solo; è una garanzia di tutela anche per i cittadini e le imprese che operano nell’area.” Proprio Confartigianato ha da poco pubblicato uno studio sulla vitalità dell’artigianato e della piccola impresa nelle zone interne e nei comuni montani, ponendo l’accento sul ruolo chiave giocato da queste realtà per evitare lo spopolamento di questi territori.

Continua Valenti “l’ennesima penalizzazione dell’area di Rocca San Casciano è un segnale estremamente negativo. Come Confartigianato ci impegniamo a mantenere la presenza in tutti i comuni del comprensorio forlivese come segnale di vicinanza agli imprenditori, che decidono di mantenere in loco la produzione, invece di spostarsi a valle, lungo l’asse viario della via Emilia, mentre la burocrazia impone tagli che cozzano contro ogni logica di buon senso. Depauperare un territorio, eliminando servizi essenziali significa abbandonare la comunità che si impegna a mantenerlo vivo”.

“Ci stiamo attivando, proprio nell’area, per dare vita a iniziative che contribuiscano a rendere il comune maggiormente attrattivo e, oggi, siamo costretti ad apprendere dell’ennesima beffa, perpetrata in nome dei tagli al bilancio. Le nostre comunità meritano maggiore attenzione. Non ci diamo per vinti e speriamo che l’attività di lobbying svolta dalla Confederazione possa portare a riconsiderare la decisione.”: conclude il segretario di Confartigianato di Forlì.