Cesena tra le città “degli alberi” del 2020 per la Fondazione Arbor Day

0
276

(Sesto Potere) – Cesena- 21 febbraio 2021 – La Fondazione internazionale Arbor Day, in collaborazione con la FAO, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, nomina Cesena tra le città “degli alberi” per l’anno 2020.

Si tratta di un progetto che consente, oltre all’importanza del riconoscimento, di far parte di una rete di città, creando punti di incontro e scambio di buone pratiche in merito a un tema, come quello della valorizzazione del verde e delle alberature cittadine, ritenuto strategico da tutte le città aderenti.



Sono 120 le città che a livello mondiale hanno avuto accesso a tale riconoscimento, 63 le nazioni rappresentate in questa graduatoria e 7 le città italiane (oltre a Cesena, troviamo Milano, Modena, Padova, Torino, San Mango d’Aquino, Lignano Sabbiadoro). 

Le città occupano solo il 3% della superficie del pianeta, ma ospitano quasi il 60% della popolazione mondiale, che consuma il 75% delle risorse naturali.

I criteri di urbanizzazione, previsti anche a Cesena con il prossimo Piano Urbanistico, rendono ancora più cruciale una pianificazione strutturale ancora più sostenibile. 
In tutto questo una corretta gestione del verde e il potenziamento delle alberature porta a numerosi benefici in un’ottica complessiva di qualità del vivere i luoghi, lotta ai cambiamenti climatici, miglioramento della qualità dell’aria, mitigazione delle ondate di calore, e prevenzione all’erosione dei suoli. Oltre agli aspetti ambientali, molteplici ricerche dimostrano come la presenza di verde, e di alberi nello specifico, contribuisca a migliorare la salute e il benessere delle persone in tutti gli aspetti della vita quotidiana, sia lavorativa, che di studio e di recupero delle malattie, per esempio. 

“Questo riconoscimento – commenta l’Assessora alle Politiche Ambientali Francesca Lucchi – ci inorgoglisce ma ci induce a lavorare sempre meglio.
Le politiche dell’Amministrazione in ottica di gestione del verde sono chiare: gli alberi sono uno strumento importante e imprescindibile in merito al quale stiamo mettendo in atto una progettazione strutturata, che parta dai benefici di una corretta gestione del verde nelle città.
Boschi e altri spazi verdi, come parchi e prati, contribuiscono in modo efficace al miglioramento della qualità di vita negli spazi urbani regolando la temperatura, fungendo da filtro contro gli inquinanti atmosferici, abbattendo la CO2 e regolando il deflusso dell’acqua piovana. Inoltre, favoriscono la biodiversità vegetale e costituiscono spazi vitali importanti per la fauna. In questo senso stiamo ultimando la progettazione definitiva ed esecutiva del bosco urbano che si troverà nell’area compresa tra la SS9 e Via Niccolò Machiavelli e che vedrà in autunno prossimo la piantumazione di 333 alberi e oltre 5 mila arbusti, per una superficie di circa 30 mila metri quadrati.
Il bosco-urbano è stato pensato proprio con l’obiettivo di migliorare il micro-clima urbano, contro le ondate di calore, valorizzando la biodiversità presente sul territorio, mitigando l’impatto portato dalle arterie di traffico presenti”. 

“Il nostro impegno – prosegue Lucchi – in materia di verde pubblico e di alberi, riconosciuto anche con la nomina a Tree City of the World, considera anche la nostra volontà di prestare maggiore attenzione al tema della corretta gestione e manutenzione del verde e delle aree verdi esistenti e su questo tema stiamo redigendo un piano che possa supportare anche nelle attività ordinarie, nella consapevolezza che i cambiamenti climatici in corso spingono a considerare nuove tecnologie e nuovi approcci.
Ultimo aspetto che riteniamo strategico è il coinvolgimento della popolazione e delle scuole, al fine di creare una consapevolezza collettiva e una corretta cultura alla gestione del verde e alla valorizzazione del patrimonio urbano dato dalla nostra città, prendendosi cura dei luoghi e degli spazi comuni”. 

Tree Cities of the World è un progetto pensato dalla Fondazione Arbor Day e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) al fine di riconoscere le città di tutto il mondo che si sono impegnate a far crescere e mantenere la loro foresta urbana.
Grazie a questo riconoscimento ottenuto, Cesena si unirà a una rete di città che la pensano allo stesso modo e che riconoscono l’importanza degli alberi nella costruzione di città sane, resilienti e felici.