(Sesto Potere) – Cesena – 2 dicembre 2022 – Elevare la qualità della vita delle persone che hanno superato i 60 anni senza trascurare l’alimentazione e l’attività motoria, diffondere la pratica sportiva tra le fasce della popolazione meno assidue all’esercizio fisico (nel caso specifico le persone in età avanzata) e sviluppare strategie efficaci per la promozione di stili di vita salutari nella popolazione.

Parte da questi saldi presupposti il nuovo incontro di aggiornamento del progetto “In Common Sport +” che si è tenuto ieri mattina, nella Sala Sozzi del palazzo del Ridotto, a Cesena.

Fit, food and fun”. Dopo la grande festa dello sport che a fine settembre ha visto oltre cento atleti over 60 allenarsi al Carisport, partecipanti e professionisti del wellness hanno fatto il punto sui progressi registrati nel corso di queste settimane di allenamenti guardando al prossimo futuro e fissando obiettivi precisi.

“In Common Sport + – commenta l’Assessora ai Progetti europei Francesca Lucchi – ha lo scopo di migliorare il benessere e la qualità della vita di tutti i partecipanti, attraverso l’integrazione e la socializzazione, ma anche mediante la condivisione di buone pratiche che hanno a che vedere con una sana alimentazione e con una precisa programmazione degli allenamenti. Per questa ragione, il percorso prevede anche incontri in cui offriamo ai partecipanti una vera e propria mappa della salute utile a migliorare abitudini di vita. Con questo progetto, che a Cesena si sviluppa dal 2018, intendiamo trasmettere il messaggio del vivere bene, in questo l’attività sportiva è fondamentale. Su queste basi stiamo investendo in modo significativo sull’impiantistica sportiva e sull’ampliamento di questi presidi distribuiti in tutti i quartieri e frequentati quotidianamente da cesenati di tutte le età”.

Dopo i saluti introduttivi dell’Assessora Francesca Lucchi, i lavori sono stati condotti da Martina Casadei, trainer del progetto per conto di SIMPHP, e Valentina Giorgini, dell’ufficio Refezione scolastica, che hanno illustrato alla platea l’evoluzione della performance dei sottoscritti nei due test di valutazione motoria/motivazionale effettuati nel 2021 e nel 2022, insieme al questionario sull’alimentazione che è stato presentato ai partecipanti lo scorso marzo. Complessivamente, tutti i partecipanti al progetto europeo In Common Sport + hanno registrato miglioramenti significativi a livello di salute, in riferimento alla composizione corporea generale (massa magra, massa grassa, grasso viscerale, metabolismo basale).

Nel corso del 2021 e del 2022 infatti sono state valutate forza, equilibrio, capacità aerobica: da una parte gli iscritti over 60 che partivano da una totale sedentarietà hanno registrato risultati massimi, dall’altra invece, tutti quelli che già svolgevano assiduamente attività motoria, aggiungendo ulteriori due allenamenti alla loro routine settimanale, hanno confermato i risultati raggiunti annualmente.

Durante l’incontro si è fatto il punto sul progetto europeo, riepilogando i risultati ottenuti fino ad oggi e i vari “meetings” svoltesi in questi due anni di programma. Successivamente è intervenuta la dottoressa Giulia Franzoso, medico sportivo ed esperto dell’alimentazione di AUSL, che ha fornito una panoramica sui diversi progetti che l’AUSL ha messo e metterà in campo a favore del benessere della persona.

In Common Sports è un progetto triennale finanziato nell’ambito del programma europeo Erasmus+ Sport, teso a promuovere stili di vita attivi tra le persone over 60, avvicinandole e motivandole alla pratica sportiva. Il progetto vede il Comune di Cesena membro di un partenariato composto da enti e organizzazioni di cinque paesi membri dell’Unione europea, al fianco del Comune di Vila Nova de Cerveira (PT), dell’Istituto Politecnico di Viana de Castelo (PT), dell’Università di Thessalias – Dipartimento di Educazione Fisica e Scienze Sportive (GR) e Aksakovo (BG), e della società di comunicazione ungherese Zöldpont Egyesület es Szerkesztöseg.