Cesena, con l’Ottica Casadei progetto “Occhiale sospeso”

0
179

(Sesto Potere) – Cesena – 4 agosto 2021 – Un paio di occhiali da vista in regalo ai bambini e ai ragazzi under 18, che non possono permetterselo. È questo il dono dell’Ottica Casadei di Cesena che a partire da oggi mette a disposizione 100 buoni gratuiti che verranno distribuiti, su indicazione dei Servizi sociali del Comune, tramite le Associazioni, le scuole e gli oculisti aderenti al progetto “Occhiale sospeso” per consentire a tutte le famiglie in difficoltà economica di poter usufruire all’interno del punto vendita Kiaro Vision di Via Cervese di un paio di occhiali gratis per i propri figli. 

Contestualmente alla distribuzione dei buoni verrà aperta una cassa speciale all’interno dei due punti vendita con l’obiettivo di raccogliere fondi per poter portare promuovere questa iniziativa anche dopo l’esaurimento dei primi 100 buoni. Quando infatti un cliente ordinerà un occhiale, avrà la possibilità di contribuire al pagamento degli occhiali da vista di un bambino bisognoso, facendo un’opera di beneficenza e quindi lasciando un’offerta volontaria. 

L’Assessora ai servizi per la Persona e per la famiglia Carmelina Labruzzo  ringrazia l’Ottica Casadei per questa iniziativa: “che guarda ai più piccoli e al mondo della scuola. Offrire gratuitamente il controllo professionale della vista e un paio di occhiali ai bambini bisognosi che ne necessitano è un chiaro esempio di welfare di comunità e una risorsa straordinaria. Grazie a tutti coloro che sosterranno questo progetto”. 

“Proprio come la tradizione napoletana del caffè sospeso – commentano Roberto e Nicole Casadei – quando un cliente ordina un caffè sospeso, si trova a pagarne due pur ricevendone uno solo. In questo modo, quando una persona bisognosa entra nel bar può chiedere se c’è un caffè sospeso: in caso affermativo, riceve la consumazione di una tazzina di caffè come se gli fosse stata offerta dal primo cliente. Vogliamo che questo progetto diventi di tutti e che coinvolga gradualmente i nostri colleghi e i medici oculisti della città e della Romagna. L’uso dell’occhiale da vista nella prima infanzia è curativo perché contribuisce a un miglioramento continuo della vista. Molte famiglie, a causa di una mancanza di risorse economiche, rinunciano all’acquisto o lo ritardano. Per questa ragione abbiamo deciso di dare il nostro contributo fornendo una risposta concreta al bisogno delle famiglie più bisognose che hanno bambini con problemi di vista o con il sospetto che per i loro figli sia necessario portare gli occhiali”. 

Saranno i Servizi Sociali a consegnare il buono ai nuclei familiari che ne faranno richiesta. Una volta muniti del ticket le famiglie potranno recarsi in Via Cervese 1099.