(Sesto Potere) – Cesena, 20 novembre. “Di piste ciclabili l’amministrazione Lattuca parla molto, ma almeno di una delle più indispensabili per la sicurezza non si ha ancora notizia certa. Mi riferisco alla ciclabile da realizzare lungo la via Emilia Ponente, dalla rotonda del ‘Famila’ al cimitero di Diegaro. Nella Tavola 4P “Itinerari ciclabili-stato attuale e previsioni future” del Piano per la mobilità sostenibile 2017-2030 del Comune il tratto della via Emilia fino a Diegaro è indicato come ‘Piste ciclabili in fase di attuazione’, ma non sappiamo a che punto siano la progettazione e tanto meno l’avvio dei lavori”:

Lattuca

così in una nota il consigliere comunale della Lega Fabio Biguzzi, nella foto in alto, che ha presentato un’interrogazione alla Giunta comunale.

“Nella seduta del Consiglio comunale dell’11 febbraio scorso, più di dieci mesi fa, l’assessore Christian Castorri rispondendo a un’interpellanza disse che l’amministrazione aveva ‘tra le proprie priorità, la realizzazione del pezzo di pista ciclabile che manca fino ad arrivare a Diegaro tanto che, nel corso dell’anno 2021, avvieremo i lavori, non realizzeremo il progetto ma avvieremo i lavori, e lo dico qui dentro, del tratto dalla rotonda Famila alla rotonda Paul Harris, primo stralcio…. Entro il mese di marzo, marzo o aprile verrà approvato il progetto definitivo e entro il mese di …settembre? ottobre? Inizieranno i lavori di quello stralcio?”: aggiunge il consigliere comunale.

“A questo punto – conclude Biguzzi – è lecito chiedere se il progetto esecutivo sia stato approvato, se sia stato pubblicato il bando per l’esecuzione dei lavori, quando ne sia previsto l’avvio e quale sia la data presumibile di fine lavori del primo stralcio. I residenti e i lavoratori che transitano quotidianamente in quel tratto di strada così pericoloso e trafficato aspettano da tempo l’opera tanto che nel 2014, a sostegno della sua realizzazione, è nato il comitato cittadino ‘Via Emilia Ponente Sicura’ che ha fatto della realizzazione di questo progetto una vera crociata”.