Cesena, attestati di gratitudine a 46 volontari Avis

0
82

(Sesto Potere) – Cesena – 28 ottobre 2019 – La sala del Consiglio comunale di Cesena ha ospitato a la consegna da parte dell’Avis Cesena degli ‘attestati di gratitudine’ ai 46 volontari che nel corso del 2018 hanno concluso il loro impegno come donatori di sangue per raggiunti limiti di età o per motivi sanitari. Nel corso della cerimonia – a cui hanno partecipato il Sindaco Enzo Lattuca  e l’Assessore ai Servizi Sociali Carmelina Labruzzo – il Presidente dell’Avis cesenate Fausto Aguzzoni ha fornito alcuni dati dell’attività dell’associazione e tracciato le principali linee guida dell’attività del sodalizio.

Avis Cesena è da oltre 60 anni un’associazione attiva e presente nel nostro territorio, che garantisce l’autosufficienza di sangue e plasma per tutte le necessità della comunità locale. Nel 2019 Avis Cesena può contare al 30 settembre su 4075 donatori attivi, che hanno permesso di raccogliere, sempre 4.356 sacche di sangue intero, 1.223 sacche di plasma e 18 sacche di piastrine per un totale di 5.597 donazioni.

La compagine di donatori si è arricchita nei primi nove mesi del 2019 di 153 nuovi donatori, che sono la differenza positiva fra i 428 nuovi donatori ed i 275 donatori che sono stati dimessi in quanto hanno cessato per vari motivi la loro attività donazionale. Positivo è il contributo nei nuovi donatori delle fasce di età più giovani, sia maschi che femmine, che subentrano a chi deve concludere il suo percorso da donatore, dando speranza al nostro futuro.

sangue ausl

Insieme ai donatori attivi vanno a formare quella sinergia vincente che determina gli ottimi risultati che Avis Cesena sta ottenendo, un “esercito” di volontari associativi, non meno di 100 persone, che con impegno, dedizione e disponibilità costituiscono l’ossatura organizzativa della nostra Avis. Molte di queste non donano sangue, ma tempo, risorsa anch’essa essenziale nella vita di una associazione di volontariato.

Tra i tanti progetti in cantiere Avis Cesena sta realizzando un sogno: la creazione della Casa del Donatore, ossia una nuova sede a Case Missiroli che sostituirà quella a Calisese, perché più moderna e con migliori e maggiori servizi per i donatori e volontari. Anche se attualmente i lavori sono fermi a causa di accertamenti in corso da parte della Sovraintendenza alle Belle Arti sul ritrovamento di presunti reperti etruschi.

Si confida che per gli inizi del 2020 si possa iniziare ad utilizzare la nuova sede.
Info, sito www.aviscesena.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here