(Sesto Potere) – Cervia – 5 maggio 2022 – La mappa di Cervia vecchia è un disegno ad inchiostro acquerellato, delle dimensioni di circa un metro per un metro, databile intorno al 1773 realizzato sulla base di informazioni lasciate a Pietro Senni dal suo padrino Francesco Orlando Prondini, come spiega lo stesso Senni nell’introduzione alla sua raccolta di notizie su Cervia vecchia. Dopo un accurato restauro torna ad essere patrimonio della Città.

Oggi pomeriggio alle 17.30 alle Officine del Sale si terrà un incontro pubblico di presentazione e racconto del restauro operato sull’antico documento che tornerà ad essere custodito presso l’Archivio Storico comunale di Cervia. Sarà presente l’assessore alla Cultura Cesare Zavatta.

A parlare della mappa e del restauro saranno Cristina Poni, responsabile dell’archivio storico comunale di Cervia, e Roberta Stanzani, la restauratrice che materialmente ha lavorato alla pulizia e al restauro della preziosa rappresentazione grafica della antica città.

officine del sale

La mappa costituisce un documento importante per la storia del territorio Indica la struttura della Cervia Vecchia, in mezzo alle saline, identificandone le strade, le case e gli edifici più importanti come il palazzo municipale sulla piazza, la cattedrale, i due conventi cittadini, dei francescani e degli agostiniani, e la rocca. Si tratta di una rappresentazione ideale della vecchia città per la quale la resa grafica non corrisponde alla reale struttura dell’abitato, come risulta invece da altre mappe conservate a Ravenna. Si tratta comunque di un documento ricco di informazioni preziose. Non solo consente di collocare spazialmente gli edifici più importanti della città, ma le singole case sono identificate da un numero che trova corrispondenza nella legenda posta sulla fascia inferiore in cui sono elencate le famiglie che abitavano in città.

A causa probabilmente di un intervento di restauro condotto a fine anni ’80, con materiali e metodologie attualmente superate, la mappa si presentava gravemente danneggiata. Per evitare di perdere definitivamente il manufatto l’intervento attuale è stato più che mai necessario.

L’operazione è stata affidata al laboratorio di restauro di Formula servizi soc. coop. di Forlì specializzato in restauro di libri e documenti che ha messo in sicurezza il manufatto arrestando il degrado della carta che si presenta oggi di colore brunito e scarsamente leggibile.

In questa occasione è stata anche realizzata una copia fotografica sostitutiva ad alta risoluzione in scala 1:1. L’intervento di restauro è stato finanziato dal Gruppo Culturale Civiltà Salinara

“Un intervento fondamentale per preservare un documento così importante per la conoscenza della città vecchia, ricco di informazioni anche se non fedele nella descrizione strutturale. Dichiara Cesare Zavatta, assesore alla Cultura del Comune di Cervia – Il restauro del disegno è in linea con la volontà dell’amministrazione di preservare e valorizzare gli elementi di memoria materiale e immateriale della nostra realtà. La mappa, messa in sicurezza, continuerà ad essere un punto di riferimento prezioso per gli studiosi e per la città stessa. Ringrazio il Gruppo culturale Civiltà salinara per la sensibilità e per l’intervento finanziario che ci ha permesso di riportare alla città questo prezioso documento”