(Sesto Potere) – Castrocaro – 29 ottobre 2021 – Otto Tour Operator italiani ed internazionali specializzati nel turismo lento ed escursionistico, nonchè cinque giornalisti esperti di turismo attivo, hanno partecipato con entusiasmo a tre Eductour dal 20 al 28 ottobre organizzati da Castrumcari ScaRl, il Consorzio di promozione turistica di Castrocaro Terme e Terra del Sole e da BikesPlus, nel nostro territorio. Missione: alla scoperta della Romagna Toscana e delle sue eccellenze!

Complici queste giornate autunnali dalle temperature ancora miti e l’esplosione magica di colori che tingono il paesaggio, gli operatori stanno vivendo quattro intensi giorni tra trekking e bici, per conoscere il nostro territorio e saperlo poi proporre ai propri clienti in tutto il mondo attraverso i pacchetti turistici. I giornalisti, nostri ospiti, allo stesso tempo, stanno scaldando le loro penne per scrivere della loro esperienza nella Romagna Toscana in testate e blog del settore.

La scelta dei percorsi e delle attività̀ da proporre a questi ospiti d’eccezione è ovviamente molto vasta, ma la selezione fatta ha permesso loro di assaporare le eccellenze paesaggistiche, escursionistiche, culinarie ed esperienziali della zona che da Castrocaro Terme e Terra del Sole arriva fino a Bagno di Romagna.

Un tour innanzitutto culturale, nel territorio provinciale che ha molto da raccontare, accompagnati da Vanessa Peruzzi, responsabile commerciale, Luigi Barilari e Roberto Bosi del Consorzio Castrumcari e Elisabetta Sazzini, Alain Rimondi e Monica Price di Pedaliamo in Italia. I partecipanti sono stati accolti nel suggestivo scenario del Castello Del Capitano Delle Artiglierie. Il giorno successivo, hanno proseguito con le e-bike verso le colline dove la passione e la gentilezza di Denise li ha coinvolti nella lavorazione della lavanda all’Agriturismo Il Casale.

Elio Caruso, con il suo classico entusiasmo, ha raccontato l’avvincente storia della Fortezza Medievale, con focus sulle ceramiche antiche in mostra per “Animalia Dantis”. La bravissima guida Chiara Macherozzi di ConfGuide ha raccontato la storia di Terra del Sole, la cittadella rinascimentale costruita per volere di Cosimo I de’ Medici e tutt’ora una delle “città-fortezza” più intatte al mondo. Apprezzatissima l’accoglienza del Grand Hotel Castrocaro e del complesso termale con visita alla Spa Long Life Formula.

I Tour Operator italiani ed esteri porteranno a casa un ricco bagaglio di emozioni ed esperienze da promuovere e consigliare ai lettori ed ai viaggiatori: le nostre tradizioni e i mestieri antichi raccontati a Dovadola dal tartufaio Fabio che ha descritto come avviene la ricerca del tartufo e del suo lavoro al forno.

Tappe d’obbligo a Dovadola nell’affascinante bottega del liutaio Foscolo, uno degli ultimi personaggi che pratica questa professione in Romagna, lavorando il legno solo a mano, nonché presso la suggestiva mostra delle armi bianche. Immancabile il risvolto enogastronomico, con la preparazione da parte dei partecipanti della sfoglia tirata al mattarello e dei tortelli fatti a mano nel Vecchio Convento di Portico e la degustazione di olii e vino presso la pluripremiata Tenuta Pennita, con l’inaspettato assaggio di olio e… gelato.

Dai laboratori alla tavola, con le prelibatezze tipiche con cui i ristoratori come la Rosa Bianca, La Cantinaza, l’Osteria del Capitano, il Bar La Mora, la Corte San Ruffillo di Dovadola, Da Gorini e Teverini a San Piero e Bagno di Romagna e i catering del Gran Caffè 900 e del ristorante Il Laghetto, hanno deliziato gli operatori. I piatti preferiti? Naturalmente le tagliatelle al ragù̀, i tortelli ai porcini e la ciambella dell’osteria del Vignale.

Il riposo e l’ospitalità del gruppo di Tour Operator è affidato allo storico Hotel Pierina di Castrocaro dal quale con transfer hanno raggiunto il giorno successivo San Benedetto in Alpe per una camminata escursionistica accompagnati dalle guide ambientali Riccardo Raggi e Laura Mengozzi, per raggiungere la Cascata dell’Acquacheta, sulle orme di Dante.

I giorni successivi, gli ospiti hanno conquistato le colline Tosco-romagnole immerse nei colori ammalianti del foliage, addentrandosi fino al Parco delle Foreste Casentinesi, abbinando la visita alla Diga di Ridracoli, la struttura ingegneristica nel parco nazionale delle Foreste Casentinesi, ad una bella pedalata lungo la nuova panoramica Ciclovia della Romagna Toscana fino a Bagno di Romagna.

Lo staff del Castrumcari ScaRl, consorzio di promozione turistica, opera da molti anni sul territorio in maniera professionale e sinergica, raccontando con una comunicazione empatica l’entroterra romagnolo: un circuito di 15 comuni e borghi che rappresentano il valore del brand turistico della “Romagna Toscana”.

Uno dei loro obiettivi, che sfocia ad esempio nell’organizzazione di eductour come quelli in corso in questi giorni, è quello di coinvolgere Tour Operator e professionisti del turismo nazionale ed internazionale, per far vivere loro in prima persona le esperienze ed il passo slow delle nostre colline, affinché́ a loro volta possano promuoverne l’accoglienza e le eccellenze.

Dolce paesaggio, Lento viaggiare è il leit motiv delle linee guida del progetto di Castrumcari che, in linea con le direttive della legge 4, sta delineando e decretando il successo di una serie di proposte turistiche, itinerari ed esperienze create appositamente per lo sviluppo dell’economia turistica locale e presentate a fiere specializzate internazionali, non per ultimo il TTG. È sufficiente guardare al successo delle aree appenniniche, all’incremento di richieste e “attenzioni” che sono state rivolte ai percorsi slow come cammini e itinerari in bike.

Tutto ciò si inserisce a perfezione nel grande tema della sostenibilità̀, della protezione e del rispetto per l’ambiente, la sua identità̀ e le sue culture, con la conseguente necessità di favorire il rapporto fra comunità̀ ospitanti e turisti viaggiatori, anche con l’ausilio di sistemi di mobilità green che rispondono a molti degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU.