Cassa integrazione, Vietina (F.I.) a governo: “Prorogarla fino a fine emergenza Covid”

0
113

(Sesto Potere) – Forlì – 19 novembre 2020 – “Con il decreto Agosto, il decreto Ristori e la legge di Bilancio 2021 il Governo ha prolungato la Cassa Integrazione fino al 31 dicembre di quest’anno. I dati raccolti da Forza Italia, tuttavia, evidenziano come migliaia di lavoratori rischieranno il licenziamento fin dai primi mesi del 2021 se scadranno i termini di godimento degli ammortizzatori sociali. Partendo da questi presupposti ho presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo chiedendo la possibilità di prolungare la CIG Covid-19 per almeno altri 4 mesi oltre la scadenza attualmente prevista”. Così Simona Vietina, Parlamentare di Forza Italia e sindaco di Tredozio (FC).

Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo

“Fra i tanti settori colpiti con violenza dal Covid – incalza la parlamentare azzurra -, quello dei lavoratori aeroportuali e dell’indotto delle attività legate ai viaggi in aereo è uno di quelli maggiormente in crisi ma è anche quello su cui non si sono mai accessi i riflettori dei media. Due situazioni sono particolarmente esemplificative della gravissima situazione attuale: Il sistema aereoportuale Toscano Firenze-Pisa aveva raggiunto nel 2019 un fatturato importante e chiuderà il 2020 con un abbattimento di oltre il 70% di passeggeri e milioni di fatturato persi. I dipendenti degli scali di Pisa e Firenze, circa 900 persone, sono attualmente in cassa integrazione, insieme ai lavoratori di bar, ristoranti, autonoleggi, cooperative di servizi che operano all’interno degli aeroporti: ben oltre un migliaio di famiglie vivono appese a un filo che a marzo, salvo nuove iniziative del Governo, si spezzerà. Altrettanto grave è la situazione dell’aeroporto L. Ridolfi di Forlì: la recente riapertura dello scalo romagnolo, grazie a un’importante cordata imprenditoriale e allo sforzo delle Istituzioni, stava dando nuove speranze di rilancio economico a tutta la Romagna. Tuttavia, appena riaperto il Ridolfi è già costretto nuovamente a chiudere e le compagnie aeree stanno rimandando i voli a un futuro che possiamo solo sperare che sia prossimo e non remoto. Posti di lavoro congelati, investimenti per lo sviluppo del territorio, in fumo”.

Paola De Micheli

“In questo quadro, dove Toscana e Romagna sono esempi di quanto succede sul territorio nazionale, il Governo non ha dato indicazioni rispetto alla proroga della Cassa Integrazione per questo comparto: allo stato attuale, con i viaggi a il turismo pressoché azzerati, senza il prolungamento, quasi il 50% degli attuali dipendenti subirà un licenziamento e altrettanto accadrà al mondo dell’indotto. Credo che sia inderogabile una compensazione per le perdite subite e prospettate dalle crescenti restrizioni dei voli tra Paesi: su questo fronte ho presentato un’interrogazione anche al Ministro De Micheli perché vorrei che spiegasse a me e alle migliaia di famiglie in fortissima crisi per quale ragione il Governo non ha previsto per questo settore interventi di sostegno, ben consapevole delle conseguenze a cui la drastica riduzione del turismo avrebbe condotto gli aeroporti. Occorrono decisioni immediate e interventi concreti o il Governo avrà sulla coscienza il futuro di migliaia di famiglie”: conclude la deputata di Forza Italia e sindaco di Tredozio (FC) Simona Vietina.