Case popolari, Graziani (Acer): “Dalla Regione per Forlì-Cesena 11 mln di euro”

0
391

(Sesto Potere) – Forlì – 5 dicembre 2019 – “Nel giorno dell’approvazione del Bilancio di previsione dell’esercizio 2020 , votato all’unanimità dai 30 Comuni ieri in Conferenza degli Enti, abbiamo accolto con favore la notizia che  la Regione Emilia-Romagna  stanzia quasi 21 milioni di euro, provenienti dalla quota di risorse   CIPE per il Programma integrato di edilizia residenziale sociale. Saranno finanziate le migliori 4  proposte progettuali con un contributo  tra 5 e 5,5 milioni di euro ciascuna rivolto ai Comuni con più di 50 mila abitanti , quindi anche per il nostro territorio Forlì e Cesena, e quest’ultima ha già dichiarato che intende aderire. C’è necessità di fondi per costruire nuovi alloggi pubblici e soddisfare la  domanda di case “popolari” per abbattere le liste d’attesa”: afferma in una nota la presidente Acer – Azienda Casa dell’Emilia Romagna della Provincia di Forlì-Cesena  , Patrizia Graziani, che questa mattina ha tenuto una conferenza stampa (vedi foto in basso) dedicata al bilancio di previsione dell’esercizio 2020 .   

Gli Enti Locali costruiscono  immobili di edilizia residenziale sociale e pubblica e Acer , nella divisione dei compiti istituzionali, assicura  il servizio di gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, tutto di proprietà comunale ,eccettuati 47 alloggi E.R.P. e 12 alloggi di edilizia agevolata di proprietà   Acer.

patrizia graziani

Acer Forlì Cesena gestisce ad oggi 4614 alloggi e in previsione per il 2020 , assumendo altre gestioni di alloggi da alcuni Comuni , saranno in totale 4627.

“Il nostro compito consiste nel prendere in carico gli assegnatari dopo che i Comuni hanno assegnato loro la casa”: precisa la presidente Acer Patrizia Graziani che continua: “i Comuni fanno i  bandi per l’assegnazione delle case popolari e assegnano  le case secondo un loro graduatoria , poi Acer si prende carico di fare il contratto, consegnare le chiavi e un vademecum per uso corretto dell’immobile che viene anche illustrato dal nostro personale . La attività poi prosegue con controlli attraverso Inps sui redditi  e se vi sono irregolarità vengono inviate da Acer segnalazioni ai Comuni”.

Prosegue la presidente  Graziani: “Svolgiamo anche periodi controlli sui permessi di soggiorno , segnalando a Questura e Comuni le irregolarità , estendendo detto controllo anche ai componenti della famiglia dell’assegnatario” 

Nel 2020 l’attività aziendale continuerà a svilupparsi negli ambiti ormai consolidati e condivisi. L’obiettivo del Consiglio di Amministrazione e dell’Azienda nel suo complesso è compiere ogni sforzo per reperire ulteriori mezzi, che permettano di migliorare i dati assunti nel preventivo, mantenendo il bilancio in pareggio e applicando un onere di gestione non più elevato dei 35 Euro mensili per alloggio qui preventivati, onere di gestione  che con lo sconto  si riduce a 32 € mensili per alloggio , il più basso della Regione .

sede acer

La programmazione e realizzazione di nuovi interventi di edilizia convenzionata comunale può svilupparsi solo trovando canali per superare la carenza di risorse pubbliche che si sta profilando anche per i prossimi anni, ove, a livello regionale e nazionale, non intervengano stanziamenti di cospicue risorse.

Gli ultimi risultati, invece , per quanto riguarda le risorse regionali sono soddisfacenti,  e si è riuscite ad attirare nell’ambito del sistema E.R.P.  per importi significativi con un’azione di rappresentanza svolta in sinergia con Anci, il cui ruolo rimane importante in un’ottica di collaborazione fra enti.

Maggiori difficoltà, invece,  vi sono per i finanziamenti statali, che continuano ad essere carenti. E si stanno approfondendo anche opportunità sul fronte di possibili finanziamenti europei, che però non possono essere indirizzati direttamente all’edilizia residenziale pubblica, ma fruiti nell’ambito di programmi tematici, fra i quali l’unico di qualche pertinenza con l’ E.R.P.  è quello sul risparmio energetico.

Al fine di cercare tutte le possibili soluzioni a questa carenza di risorse, per il prossimo futuro è nostra intenzione continuare a intensificare la collaborazione fattiva con le Amministrazioni Comunali del comprensorio di Forlì-Cesena, allo scopo di lavorare a stretto contatto nella ricerca di ogni forma di finanziamento possibile, sia per le nuove costruzioni che per le ristrutturazioni e manutenzioni straordinarie.

Al fine di limitare le problematiche relative alla riduzione delle risorse da utilizzare per il mantenimento qualitativo dell’edilizia residenziale pubblica, e contrastare i possibili comportamenti emulativi, Acer ha elevato il livello di attenzione sul fenomeno e intensificato  le azioni di contrasto della morosità , che sono una priorità fondamentale dell’Azienda.

Sebbene il contesto attuale di difficoltà economiche generalizzate, sia per il settore delle imprese che per le famiglie, rende oggettivamente molto problematica l’azione di recupero dell’insoluto, e l’azienda è impegnata a monitorare costantemente le situazioni di morosità, verificando puntualmente le posizioni con rateizzazione in corso, intervenendo con tempestività ed incisività anche con azioni di mediazione sociale e a supporto dei Comuni per individuare le situazioni che necessitano l’avvio di procedure contenziose.

“ Ci preme – precisa la presidente Acer – sottolineare che la nostra azione per contrastare la morosità si è intrapresa sia sul fronte della legalità sia sul fronte della  solidarietà , nel senso che abbiamo attivato l’albo degli avvocati per le azioni giudiziarie da un lato ma non trascuriamo, e valorizziamo l’aspetto di solidarietà , attraverso la mediazione sociale , la cui efficacia sta producendo buoni risultati”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here