(Sesto Potere) – Carpi – 17 marzo 2022 – Direttamente dal MAXXI di Roma, dove ha debuttato in ottobre, arriva nel Palazzo dei Pio la mostra “Il Campo di Fossoli tra memoria e progetto”, che presenta gli elaborati partecipanti al concorso per progettare il nuovo Centro visitatori del Campo di Fossoli, luogo di concentramento e transito per deportati verso i lager nazisti.

Dal 19 marzo al 25 aprile, nella sala “Khaled” dei Musei civici, saranno esposti il progetto vincitore (studio “Progettisti Associati” di Sassuolo), gli altri finalisti, un plastico e materiale audio-visivo che presenta tutti gli elaborati proposti. Scopo del bando era «individuare un’architettura capace di caratterizzare e valorizzare l’area d’ingresso del Campo, nel rispetto delle testimonianze materiche esistenti».

L’esposizione, nei locali che precedono la Sala delle Vedute, consentirà ai visitatori di apprezzare i progetti inquadrandoli nel contesto storico del sito, ricostruito grazie agli altri materiali in mostra: dunque un’occasione per tutti di avvicinare o approfondire la conoscenza di questo luogo doloroso che non ha eguali in Italia.

L’esposizione è stata presentata a Carpi il 16 marzo alla stampa dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, con il Sindaco Alberto Bellelli e il Presidente della Fondazione Fossoli Pierluigi Castagnetti.

Il concorso internazionale era stato bandito nell’agosto 2020 dal Comune insieme alla Fondazione Fossoli, e curato dal Maxxi; due mesi dopo, alla chiusura, erano arrivati 38 progetti, fra i quali la Commissione giudicatrice scelse i quattro finalisti.

La primavera scorsa, con determinazione del Dirigente Lavori Pubblici nonché Presidente della Commissione, fu affidato al raggruppamento temporaneo di professionisti sassolese l’incarico di «progettazione definitiva, esecutiva (strutturale, architettonica, impiantistica), della direzione lavori e contabilità, del coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione».

Il progetto del nuovo Centro visitatori che verrà realizzato al Campo di Fossoli prevede un investimento iniziale da un milione di euro, metà finanziati dallo Stato e l’altra metà dalla Regione Emilia-Romagna, e riguarderà l’ingresso del campo ed il recupero delle baracche.

“Mai come oggi abbiamo il dovere morale di investire nella memoria, per non dimenticare il nostro passato e la nostra storia”: ha detto Bonaccini.

L’ingresso alla mostra dal MAXXI di Roma “Il Campo di Fossoli tra memoria e progetto” è gratuito e contingentato, nel rispetto delle norme anti-Covid vigenti al momento.
Orari: dal martedì al venerdì ore 10-13; sabato, domenica e festivi ore 10-18 .
Per l’inaugurazione, in programma sabato 19 marzo alle 11:30, è obbligatorio prenotarsi sul sito www.fondazionefossoli.org