(Sesto Potere) – Cesena – 17 settembre 2022 – Confartigianato Cesena riferisce di aver “apprezzato il tempestivo intervento del Governo con ulteriori misure per attenuare il gravissimo impatto dei rincari dell’energia sulle imprese, nel segno della continuità e del rafforzamento dei precedenti provvedimenti, ma le misure del Dl Aiuti ter (emanata ieri e presentata dal premier Draghi) dovranno essere tuttavia accompagnate e completate con un piano strutturale per la sicurezza energetica”.

“Valutiamo positivamente – afferma il Gruppo di Presidenza di Confartigianato Cesena composto da Stefano Ruffilli, Daniela Pedduzza e Marcello Grassi (nella foto in alto) -, il rafforzamento del credito d’imposta per le imprese non energivore ai mesi di ottobre e novembre. Confidiamo  che in sede parlamentare questa misura possa essere ampliata a tutto il quarto trimestre dell’anno. Altrettanto positiva, per quanto riguarda il settore dell’autotrasporto, viene giudicata la previsione di un fondo da 100 milioni per mitigare i perduranti effetti dovuti agli esorbitanti aumenti del costo gasolio che gravano sulla competitività delle imprese, costrette a comprimere i margini di profitto anche per evitare il continuo rialzo dei prezzi al consumo”.

“Inoltre le misure del Dl Aiuti ter sulla riforma degli istituti tecnici e degli istituti professionali sono utili per raggiungere gli
obiettivi del Pnrr e costruire le professionalità necessarie alle imprese per affrontare nuove le sfide dell’innovazione tecnologica. Apprezzabile, infine, l’incremento di 150 euro del bonus antinflazione per il sostegno dei lavoratori autonomi con reddito fino a 20mila euro”: conclude il vertice di Confartigianato Cesena.