Carcere di Ferrara, rissa tra detenuti, ferito agente PoliPen. Sinappe: “Situazione insostenibile”

(Sesto Potere) – Ferrara – 9 luglio 2019 – Questa volta non si è trattata di un’aggressione al personale di Polizia Penitenziaria, ma di una violenta rissa tra detenuti, avvenuta, ieri, in un reparto detentivo della Casa Circondariale di Ferrara, durante l’immissione dei detenuti al cortile passeggi.

carcere ferrara

A farne le spese uno  sfortunato Poliziotto, ivi impiegato nel turno mattutino, che era  intervenuto a sedare la rissa e dividere i contendenti, armati di oggetti atti ad offendere. La guardia  si è  procurata un trauma distorsivo al polso sinistro, che il sanitario di turno che lo ha visitato presso il pronto soccorso del nosocomio cittadino ha giudicato guaribile in 20 giorni, salvo complicazioni.

“La cosa allarmante è che, malgrado tali episodi si verifichino negli Istituti di Pena Emiliano Romagnoli, con cadenza quotidiana, nessuno assuma i provvedimenti necessari al fine di mettere in sicurezza l’operato del personale
di Polizia Penitenziaria, divenuto bersaglio fisso e comodo da raggiungere, per una popolazione detenuta sempre più aggressiva e “padrona” dei contesti detentivi, nei quali la presenza sporadica, ovvero numericamente irrilevante
del personale deputato alla tutela dell’ordine e della disciplina interna, non consente di arginare le crescenti e sempre più eclatanti intemperanze dei reclusi”: commenta in una nota il segretario regionale del sindacato    Si.N.A.P.Pe Emilia Romagna, Gianluca Giliberti.

“C’è bisogno di un’immediata inversione di rotta prima che accada l’irreparabile ed il Si.N.A.P.Pe , in ogni sede, non smetterà di chiedere l’adozione di provvedimenti urgenti per ripristinare condizioni minime di sicurezza nei
reparti detentivi, sia per il personale di Polizia Penitenziaria che per gli stessi detenuti”: conclude Gianluca Giliberti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *