(Sesto Potere) – Bologna – 12 gennaio 2022 – Nel chiudere un 2021 fortemente segnato da calamità naturali che hanno procurato all’agricoltura, tra eventi atmosferici avversi e malattie, danni per quasi 2 miliardi di euro, Cia-Agricoltori Italiani esprime soddisfazione per l’impegno costante nel dialogo con il Mipaaf e in Conferenza Stato-Regioni che vede accolte le istanze dell’organizzazione agricola nei due decreti del ministro Patuanelli per 83 milioni di indennizzi alle imprese danneggiate.

Ora, aggiunge Cia, bisogna continuare a fare lavoro di squadra per definire interventi sempre più rapidi e incisivi. La strada da imboccare è quella già intrapresa dalla Confederazione come testimonia il recente incontro con il ministro Stefano Patuanelli, intervenuto lo scorso 10 dicembre al direttivo nazionale di Cia.

Resta strategico, conclude Cia, puntare insieme da una parte su azioni orientate sempre di più a studiare e portare in campo, soluzioni innovative e tecnologiche per contrastare i cambiamenti climatici, dall’altra traguardare il riconoscimento degli indennizzi a imprese agricole di territori in cui la recrudescenza delle avversità e il ripetersi delle calamità, ne compromettono in modo determinante la sopravvivenza. 

Come, infatti, accaduto in Emilia-Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto, Puglia e Sardegna, Regioni destinatarie dei due decreti. Dal Fondo di Solidarietà nazionale quota 70 milioni di euro per gli anni 2019-2021 e 13 milioni per l’anno 2021, anche grazie alle ulteriori somme destinate al Fondo dalla Legge di bilancio 2021.