Buoni-spesa, Forlì e Co “Andata in scena una vicenda grottesca”

0
278

(Sesto Potere) – Forlì – 15 maggio 2020 – Fra gli effetti dell’emergenza provocata dal Coronavirus c’è una gravissima crisi economica che ha ha avuto pesanti ripercussioni occupazionali e sociali, gettando nell’indigenza migliaia di famiglie.

Federico Morgagni, di  Forlì e Co

Per rispondere a questa drammatica situazione, il Governo ha introdotto la misura dello stanziamento di buoni-spesa per sovvenire le persone che si trovano in difficoltà a soddisfare i bisogni primari come l’acquisto di cibo, delegando ai comuni l’applicazione del provvedimento.

“Si tratta, come é evidente, di un provvedimento di emergenza, indispensabile a garantire la sopravvivenza stessa delle persone cui è indirizzato. Eppure, la Giunta di Forlì, a sempre più smaccata trazione leghista, non ha mancato di provare a sfruttare per i propri fini propagandistici anche un intervento così essenziale. Nella stesura del regolamento dei buoni-spesa è stato infatti inserita una clausola che escludeva dall’accesso i migranti domiciliati a Forlì con permesso di soggiorno di durata inferiore ad un anno, benché fosse chiaro che si trattava di una decisione illegittima sotto il profilo giuridico” scrive in una nota il gruppo consiliare Forlì e Co.

“Quando poi i ripetuti pronunciamenti della magistratura, che hanno sancito come l’unico requisito di accesso ai buoni-spesa debba essere il maggior bisogno, e la diffusa mobilitazione sociale, sindacale e delle forze politiche di opposizione hanno chiarito l’insostenibilità dell’esclusione decretata, l’Amministrazione ha fatto una precipitosa marcia-indietro. Pur continuando a dichiarare pubblicamente di non avere intenzione di cambiare il regolamento, di fatto, la Giunta Zattini ha eliminato la precedente limitazione imposta ai migranti. Tuttavia, in modo contorto e bizantino, i nostri amministratori hanno cercato di far rientrare dalla finestra ciò che era uscito dalla porta, limitando al 10% dei fondi totali la quota di buoni-spesa destinati a questo gruppo sociale, nella sottintesa speranza che tale importo basti a soddisfare tutte le richieste e si eviti l’impugnazione di un atto che, in quel passaggio, mantiene comunque profili di illegittimità” aggiunge il gruppo consiliare Forlì e Co..

“In definitiva, sui buoni-spesa è andata in scena una vicenda grottesca, purtroppo giocata sui bisogni primari delle persone. Riteniamo importante che la mobilitazione sociale e politica della città abbia costretto l’Amministrazione a un sostanziale passo indietro, ma censuriamo la pervicacia della Giunta nello sfruttare ogni atto amministrativo come occasione di propaganda, particolarmente becera in questo caso visto che si tratta di aiutare persone che faticano a mettere insieme il pranzo con la cena” conclude il gruppo consiliare Forlì e Co..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here