(Sesto Potere) – Bologna – 17 febbraio 2021 – Rifiuti di vario tipo, masserizie, suppellettili, abbandonati in un’area adibita a parcheggio ma che oltre ad autoveicoli ospita anche camper e roulotte abitati da persone mai segnalate dal gestore dell’area, legato alla proprietà (l’Agenzia del Demanio, ora Invimit) da un contratto d’affitto: è quanto è stato accertato nell’area di via Emilia Ponente 3, quartiere Porto-Saragozza, segnalata alla Polizia Locale e oggetto dei controlli degli agenti del reparto territoriale che hanno confermato la situazione.

Peraltro i rifiuti sono stati in gran parte riversati anche nelle aree accanto al parcheggio, in particolare nello spazio adiacente, di proprietà del Comune di Bologna, e nell’area verde vicina che si trova all’interno dei Prati di Caprara.

Essendo il gestore del parcheggio il soggetto che ne dispone in modo esclusivo, e che risulta anche residente in una roulotte all’interno della stessa area, è considerato responsabile dello scarico abusivo dei rifiuti. La conseguenza è un’ordinanza, notificata nella mattinata di sabato 13 febbraio 2021, con la quale il Comune di Bologna impone al gestore del parcheggio di liberare l’area da tutti i rifiuti, conferendo quelli ingombranti alla stazione ecologica.
L’area dovrà essere libera da rifiuti entro dieci giorni o scatterà la denuncia penale del gestore.

A dare notizia di tutto questo , in una nota, è l’amministrazione comunale di Bologna.