(Sesto Potere) – Bologna – 21 gennaio 2023 – Quali sono gli elementi che determinano le disuguaglianze a livello locale in termini di salute e malattia, e quali azioni si possono mettere in campo per superarle. Appuntamento in Salaborsa, lunedì 23 gennaio alle 10, per la presentazione degli esiti del progetto di ricerca-azione “L’equità nel diritto alla salute”, promosso da Università, Ausl e Comune di Bologna e IRCCS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna – Policlinico di Sant’Orsola.

Come si distribuiscono la salute e la malattia a Bologna? Quali sono gli elementi che determinano a livello locale le disuguaglianze in salute? E quali azioni si possono mettere in campo per promuovere salute ed equità?

Sono le domande su cui si è concentrato il progetto “L’equità nel diritto alla salute: il contrasto alle disuguaglianze nella città di Bologna”, i cui risultati saranno presentati lunedì 23 gennaio alle 10, con accesso dalle ore 9,15 per la registrazione dei partecipanti, nella piazza Coperta della Biblioteca Salaborsa.

Visione in diretta streaming sui canali: https://www.youtube.com/AreaWelfareComunediBologna e
https://www.facebook.com/PoliticheSocialiBologna/

Il progetto, concepito come una ricerca-azione, è stato realizzato dal Centro Studi e Ricerche in Salute Internazionale e Interculturale (CSI) del Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna, in collaborazione con il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl di Bologna, il Dipartimento Welfare e Promozione del Benessere di Comunità del Comune di Bologna e l’IRCCS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna – Policlinico di Sant’Orsola.

L’evento di presentazione dei risultati sarà aperto dai saluti del sindaco Matteo Lepore e di Simona Tondelli, prorettrice vicaria dell’Alma Mater. Chiara Bodini e Ivo Quaranta del CSI presenteranno poi il report finale del progetto, con i dati raccolti e le azioni intraprese di promozione dell’equità in salute. A seguire, è in programma una tavola rotonda, moderata da Valerio Baroncini, vicedirettore del Resto del Carlino, con: Chiara Gibertoni, Direttrice Generale IRCCS – AOU di Bologna, Policlinico di Sant’Orsola;  Paolo Bordon, Direttore Generale dell’Azienda Usl di Bologna; Gianluca Fiorentini, dipartimento di Scienze economiche, Università di Bologna e Maria Adele Mimmi, Direttrice Generale di ASP Città di Bologna. Le conclusioni saranno affidate invece a Luca Rizzo Nervo, assessore al Welfare e salute, nuove cittadinanze, fragilità, anziani, Comune di Bologna e Raffaele Donini, assessore alle Politiche per la salute, Regione Emilia-Romagna.

L’indagine ha messo in luce come anche nel contesto bolognese, caratterizzato da una capillare presenza di servizi e da un quadro di solidità istituzionale, il tema delle disuguaglianze in salute emerga in modo rilevante e prioritario. In particolare, lavorando in sei aree della città, identificate di concerto con i sei Quartieri, il gruppo di ricerca ha analizzato e descritto gli elementi che sono alla base di queste disuguaglianze (dal contesto abitativo alle opportunità educative, dall’offerta alimentare alla rete dei servizi) e che assumono rilevanza diversa a seconda dei contesti locali. A partire da queste analisi, sono poi nate in via sperimentale alcune azioni di promozione dell’equità in salute, realizzate insieme alle istituzioni e ai servizi territoriali.

I risultati che saranno presentati offrono quindi indicazioni per realizzare politiche innovative di promozione dell’equità in salute, in linea anche con le indicazioni del Pnrr e del Decreto Ministeriale 77, in riferimento ai temi dell’integrazione socio-sanitaria, della prossimità e della partecipazione comunitaria, presentando una cornice concettuale che vede nella promozione della salute il perno per il ripensamento e la riorganizzazione dei servizi territoriali.

Per maggiori informazionihttps://centri.unibo.it/csi/it/agenda/l-equita-nel-diritto-alla-salute-il-contrasto-alle-disuguaglianze-nella-citta-di-bologna-presentazione-dei-risultati-della-ricerca-azione