(Sesto Potere) – Bologna – 25 gennaio 2023 – Questa i pazienti dell’Ospedale Bellaria di Bologna che sono in cura presso il centro ‘Il Bene’, specializzato nella diagnosi e nella cura di malattie neurologiche come la SLA, l’atassia e la sclerosi multipla, si sono trovati sotto la sede della Regione Emilia-Romagna per manifestare le loro preoccupazioni per la temuta chiusura del centro a causa del prossimo pensionamento del dottor Fabrizio Salvi, il medico specialista che li ha in cura.

L’assessore alle Politiche per la Salute Raffaele Donini li ha incontrati per ascoltare le loro ragioni. 

“Ho voluto incontrarli per garantire loro innanzitutto una cosa: il nostro obiettivo primario è far sì che i pazienti del centro continuino ad avere la massima qualità di cura e di assistenza. Nessuno ha alcuna intenzione di lasciarli soli Proprio per questo motivo per martedì 31 gennaio ho convocato un incontro con tutte le realtà coinvolte nel centro: le associazioni dei pazienti, l’Azienda Usl di Bologna, la Città Metropolitana di Bologna, la Fondazione Il Bene. E poi anche i clinici dell’Istituto delle Scienze Neurologiche del Bellaria e lo stesso dottor Salvi. Sarà un confronto importante, perché dobbiamo dare ai pazienti la miglior risposta possibile: sia per il presente sia per il futuro”: assicura l’assessore.

“Non è compito dell’assessorato ma delle Ausl – conclude Donini – né decidere i primari né definire i percorsi professionali dei direttori di Dipartimento e di Unità operativa complessa, ma il Tavolo ha proprio lo scopo di garantire ai pazienti e alle famiglie le migliori soluzioni possibili”.