(Sesto Potere) – Bologna – 24 febbraio 2022 – La Giunta comunale ha approvato due delibere molto rilevanti per il rilancio e il funzionamento della macchina comunale: il Piano assunzioni 2022 e le modifiche allo schema organizzativo del Comune di Bologna. Con il nuovo assetto, che sarà valido a partire dall’1 marzo, si vuole da un lato rispondere alle sfide contenute del programma di mandato della nuova amministrazione e dall’altro al continuo cambiamento del contesto di riferimento e del quadro normativo, oltre che fronteggiare la costante riduzione del personale degli ultimi anni.

Queste le principali modifiche alla macrostruttura del Comune.

Nasce un’unica Area Appalti che seguirà sia gli acquisti e le forniture ordinari che gli affidamenti legati agli investimenti, che nei prossimi anni cresceranno considerevolmente di volume.

Tutti gli interventi di manutenzione, dal verde alle strade agli immobili comunali, faranno riferimento al Settore Gestione del bene pubblico del Dipartimento Lavori pubblici, mobilità e patrimonio.

All’interno del Dipartimento Urbanistica, casa e ambiente viene istituto il nuovo Settore Transizione ecologica e ufficio clima, che avrà il compito di sviluppare le politiche ambientali del Comune e gestire progetti per la sostenibilità, di educazione e informazione ambientale, con particolare riferimento all’economia circolare e alle azioni per la transizione ecologica.

Al Dipartimento Cultura, Sport e Promozione della Città vengono attribuite tutte le funzioni proprie del Settore Promozione e turismo, inoltre al suo interno verrà creato il nuovo Settore Europa e internazionale.

L’Area Welfare viene trasformata nel Dipartimento Welfare e benessere di comunità, che avrà al suo interno il nuovo Settore Salute, Benessere e autonomie della persona, al fine di rendere maggiormente efficiente l’organizzazione dei servizi sociali e di quelli riguardanti la salute e le politiche per il lavoro.

All’interno dell’Area Scuola verrà istituita una nuova unità intermedia Adolescenti.

Per quanto riguarda la Direzione Generale, al suo interno verranno creati tre nuovi settori: Innovazione digitale e dati, che sostituirà Agenda Digitale; Innovazione e semplificazione amministrativa e cura delle relazioni con il cittadino, per lo sviluppo di progetti e programmi specifici relativi all’innovazione amministrativa; Economia, in sostituzione dell’Area Economia e lavoro, che andrà a integrarsi con gli uffici della Città metropolitana. Faranno inoltre riferimento alla Direzione Generale le due cabine di regia, per l’attuazione degli interventi infrastrutturali e il coordinamento metropolitano dei fondi europei e strutturali, e le unità intermedie Relazioni esterne/sindacali, Progetti strategici e cura dello spazio pubblico, per il coordinamento dei progetti del programma di mandato; Portici patrimonio mondiale; Sicurezza e Logistica e infine l’unità Giuridico normativa.

Il piano assunzioni 2022
Per rilanciare l’azione amministrativa e dare spinta alla nuova organizzazione la Giunta ha contestualmente approvato anche il piano assunzioni 2022, che prevede l’inserimento di 450 nuove unità: 38 di categoria B, 279 di categoria C e 133 di categoria D. In particolare, per quanto riguarda i servizi educativi e scolastici, per garantire il turn-over del personale e il corretto avvio del prossimo anno educativo scolastico, saranno assunti 10 educatori di nido d’infanzia, 11 operatori di servizi alla prima infanzia, 9 insegnanti di scuola d’infanzia, 7 operatori servizi scolastici.

In arrivo anche 15 dirigenti e 5 alte specializzazioni
A gennaio di quest’anno inoltre era già stata approvata una delibera per l’assunzione di 14 figure dirigenziali. Di queste: 6 saranno coperte attraverso scorrimento di graduatorie esistenti e mobilità tra enti, 8 attraverso il bando pubblicato proprio ieri. Con la stessa delibera la Giunta aveva approvato anche l’assunzione di 5 figure di alta specializzazione, per le quali è già pubblico il bando di selezione.

Un profilo da dirigente è contenuto anche nel Piano assunzioni 2022 approvato martedì, per il quale prossimamente verrà pubblicato il bando.

Cambio di Direzione alla Fondazione Innovazione Urbana
Dal prossimo 28 febbraio la Direzione della Fondazione per l’Innovazione Urbana sarà assunta da Veronica Ceruti, che è anche direttrice delle Biblioteche Comunali del Comune di Bologna. La nuova direttrice è stata nominata giovedì 24 febbraio dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione e prende il posto di Giovanni Ginocchini che l’ha guidata fin dalla sua nascita di quattro anni fa e ancora prima negli anni che hanno preceduto l’evoluzione da Urban Center a Fondazione.