Bologna, dai Rotary nuove postazioni per terapia intensiva al S.Orsola

0
194
sant orsola bologna

 (Sesto Potere) – Bologna – 9 giugno 2020 – «In questa situazione imprevista e drammatica dovuta alla pandemia sono rimasto veramente colpito dalla grande efficienza e capacità di aggregazione dei club felsinei, su una serie di iniziative molto importanti. Personalmente tutto questo è stato motivo di grandissima soddisfazione e orgoglio […] i rotariani, pur nel momento critico hanno subito messo in campo le loro energie per fare qualcosa di tangibile che servisse la cittadinanza di Bologna. La pandemia ci ha portato a sentirci vicini e ad agire per il bene comune».

sant orsola

È soddisfatto il Governatore del Rotary del Distretto 2072, Angelo Oreste Andrisano, ospite alla riunione interclub dei Rotary Felsinei, che rappresenta l’unione dei 10 Rotary Club di Bologna all’interno del Distretto Rotary International 2072° Emilia Romagna e Repubblica di San Marino, organizzata dal presidente Giovanni Battista Camerini, del Rotary Club di Bologna.

Alla presenza dei presidenti dei club e degli amici rotariani il Governatore ha fatto il punto su tutti gli sforzi messi e che si metteranno in campo per aiutare la cittadinanza di Bologna a superare il difficile momento causato dalla diffusione del Covid-19.

Giuseppe Bellipario, presidente del Club Rotary Bologna Sud ha aperto il resoconto dell’azione messa in campo già a marzo, quasi in contemporanea con le limitazioni alla libertà di movimento obbligate dal Governo.

Con oltre 4mila casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna e 247 ricoveri in terapia intensiva, i cittadini di Bologna e provincia, soci dei Rotary cittadini si sono subito uniti in una catena di solidarietà con un fondo raccolto da tutti i soci e messo prontamente a disposizione della Fondazione del Policlinico Sant’Orsola, consentendo l’acquisto di diverse nuove postazioni per la terapia intensiva.

L’azione dei rotariani, però, non si è fermata ed è Marco Scorzoni, presidente del Club Rotary Bologna Nord ad aggiungere un pezzo al racconto dei mesi concitati dell’emergenza, quando gli sforzi dei rotariani sono riusciti a procurare ai pediatri di Bologna circa 100 mascherine FFP2 e successivamente 14mila mascherine di tipo chirurgico.

Il presidente del Club Rotary Bologna Est, Nicola Rizzo, ha poi riportato di un’ulteriore somma di denaro raccolta fra i Rotary per donare al reparto di Pediatria d’Urgenza – Pronto Soccorso Pediatrico Sant’Orsola, degli apparecchi per il monitoraggio di sindromi cardio-respiratorie, acquistati anche in previsione di potenziali rischi futuri legati a infezioni da coronavirus.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here