Bologna, cittadinanza onoraria a Nasrin Sotoudeh

(Sesto Potere) – Bologna – 15 maggio 2019 – Nel corso dell’ultima seduta, il Consiglio comunale di Bologna ha approvato all’unanimità la delibera per il conferimento della cittadinanza onoraria a Nasrin Sotoudeh, l’avvocata iraniana in carcere per il suo impegno a favore dei diritti umani. 

Nasrin Sotoudeh

Il Consiglio comunale si era già espresso all’unanimità a favore del conferimento, in segno di solidarietà a Sotoudeh, con un ordine del giorno del 18 marzo scorso.

Nasrin Sotoudeh, coraggiosa difensora dei diritti umani, è stata condannata da un tribunale di Teheran a 33 anni di carcere e a 148 frustate. La sentenza si aggiunge alla condanna a cinque anni emessa nel settembre 2016 al termine di un altro processo irregolare, per un totale di 38 anni di prigionia.

Nasrin Sotoudeh aveva preso posizione contro l’applicazione di una nota aggiuntiva all’articolo 48 del codice penale, in base alla quale si nega il diritto di nominare un avvocato di fiducia alle persone imputate di determinati reati, tra i quali quelli contro la sicurezza nazionale. Costoro possono scegliere unicamente in una lista di avvocati approvata dal Capo del potere giudiziario. Per la provincia di Teheran, ad esempio, gli avvocati approvati sono solo 20.

“Si è trattato della più dura condanna inflitta negli ultimi anni contro i difensori dei diritti umani in Iran, a riprova che le autorità, incoraggiate dalla completa impunità di cui godono i responsabili delle violazioni dei diritti umani, stanno inasprendo la repressione. Una condanna oltraggiosa per una difensora dei diritti umani che consideriamo una prigioniera di coscienza. Nasrin va liberata immediatamente!”: è l’appello di Amnesty International Sezione Italiana che ha predisposto un apposito appello per chiederne la scarcerazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *