Bologna, arrestati gli autori di una violenta rapina di un rolex ai danni di un anziano

0
157

(Sesto Potere) – Bologna – 17 giugno 2021 – Mercoledì scorso, personale della Squadra Mobile della Questura di Bologna, nell’ambito di specifici servizi mirati alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio e, in particolare, dei furti di orologi preziosi mediante l’utilizzo della c.d. tecnica dell’ abbraccio, procedeva all’esecuzione del fermo di indiziato di delitto nei confronti di un uomo ed una donna, entrambi cittadini rumeni.

Gli stessi, a seguito di attività d’indagine condotta dalla Polizia di Stato, infatti, venivano individuati ed identificati quali autori di una violenta rapina pluriaggravata e lesioni ad essa finalizzate commessa il 22 maggio scorso, all’interno del parcheggio del locale centro commerciale “Meraville”, in concorso con altre due persone ancora da identificare, ai danni di un anziano signore di 83 anni.

questura-bologna

L’evento era stato caratterizzato da una violenza tale da aver provocato scalpore. L’anziano signore, infatti, approcciato inizialmente con una futile scusa di richiesta di indicazioni stradali, veniva poi aggredito e buttato a terra, per essere poi rapinato di un orologio in acciaio, marca Rolex, che portava al polso.

La vittima, a seguito dell’evento, riportava infatti traumi e lesioni, tra cui la frattura scomposta del polso ed una ferita all’arcata sopraccigliare, refertati presso il locale Ospedale Sant’Orsola con relativa prognosi di giorni 35.

I due autori della rapina venivano individuati a bordo di una Renault Megane Scenic intestata a prestanome e poi riconosciuti, oltre che dalla vittima e dalla propria consorte presente al momento dei fatti, anche da due testimoni oculari dell’evento.

I due fermati, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria – dr. Bruno Fedeli, Sostituto Procuratore – venivano tradotti presso la locale casa circondariale, in attesa della convalida, intervenuta in data 11 giugno scorso.

Il Giudice per le Indagini Preliminari, Dr. Alberto Ziroldi, ha altresì applicato la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti della donna, in considerazione non solo del pericolo di fuga, ma altresì del forte pericolo che la stessa possa rendersi responsabile di reati della stessa specie. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bologna, sono tutt’ora in corso, non potendosi escludere il coinvolgimento dei due indagati in analoghi episodi delittuosi.