(Sesto Potere) – Bologna – 15 ottobre 2022 – Nei giorni scorsi è ripartito anche a Bologna, realizzato dall’Istat, il censimento permanente della popolazione e delle abitazioni,. Il censimento, che ha assunto una cadenza annuale e non più decennale, coinvolgerà un campione rappresentativo della popolazione. Bologna è uno dei comuni italiani interessati ogni anno dal censimento.

Quest’anno le famiglie coinvolte sotto le due torri sono circa 6.000: 1.100 famiglie saranno raggiunte da 39 dipendenti comunali, mentre 4.900 famiglie compileranno il questionario online.

Il questionario è unico, ma il censimento permanente prevede due rilevazioni distinte: quella relativa all’area e quella da lista.

La rilevazione dell’area a Bologna sarà condotta su un campione di indirizzi e vedrà impegnati 39 rilevatori, tutti dipendenti comunali, muniti sia di tesserino specifico sia del badge del Comune di Bologna.

In ogni numero civico compreso nel campione dei 187 indirizzi, tra il 30 settembre e il 12 ottobre, verrà affissa una locandina che informa tutte le famiglie del condominio dell’arrivo del rilevatore per il censimento. In tutte le buchette della posta verrà poi inserita una lettera dell’Istat con tutti i dettagli sulle operazioni di rilevazione ed eventualmente il biglietto da visita del rilevatore per fissare un appuntamento.

Dal 13 ottobre i rilevatori cominceranno a suonare ai campanelli delle famiglie che risiedono agli indirizzi prescelti e le intervisteranno sottoponendo loro le domande del questionario on line. Il rilevatore inserirà le risposte utilizzando un tablet e alla fine dell’intervista, su richiesta, rilascerà una ricevuta.

La rilevazione relativa all’area si concluderà il 17 novembre.

La rilevazione da lista a Bologna coinvolgerà circa 4.900 famiglie, che si muoveranno in maniera autonoma perché dovranno rispondere al questionario online.

Tutte queste famiglie riceveranno nei prossimi giorni per posta una lettera dell’Istat con tutte le indicazioni e le credenziali per accedere al canale web aperto dal 3 ottobre al 12 dicembre.

Inoltre, dal 7 novembre, i rilevatori cominceranno a contattare le famiglie inadempienti per invitarle a compilare il questionario (se le famiglie sono rintracciabili telefonicamente); in alternativa il rilevatore andrà a domicilio per condurre l’intervista. La chiusura della rilevazione è prevista per giovedì 22 dicembre.