(Sesto Potere) – Bologna – 26 febbraio 2022 – Riavviato il confronto tra Amministrazione comunale di Bologna e sindacati confederali sui temi delle migrazioni e sui percorsi di accoglienza e integrazione dei migranti, in particolare sul Protocollo per la semplificazione delle procedure amministrative delle cittadine e cittadini immigrati.

Si è svolto nella giornata di ieri un nuovo incontro fra l’assessore al Welfare, Nuove cittadinanze e fragilità del comune di Bologna, Luca Rizzo Nervo, e i rappresentanti dei sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, nel quale si è ribadita l’intenzione di arrivare quanto prima alla sottoscrizione del Protocollo, garantendo così un’interlocuzione stabile e certa fra tutti gli attori del sistema di gestione dei percorsi migratori, compresi la Prefettura e la Questura di Bologna.

palazzo accursio bologna

È stata ribadita così la volontà di affrontare il nodo dei tempi delle procedure amministrative e anagrafiche che riguardano i migranti, che sono presupposto all’accesso alla gran parte dei servizi pubblici e alla piena cittadinanza quali salute, lavoro e casa.

Nel corso dell’incontro si è condiviso l’obiettivo, contenuto nel programma di mandato dell’Amministrazione comunale, del superamento del centro di accoglienza CAS di via Mattei, e del rilancio e ampliamento del progetto metropolitano SAI di accoglienza diffusa, quale sistema prioritario per l’accoglienza e l’integrazione delle persone migranti sul territorio bolognese.

Sul tavolo anche il tema delle sanzioni e della richiesta di ristorno dei costi sostenuti per le persone che hanno superato il limite reddituale di 5.900 euro annui, segnalando la seria preoccupazione per la solvibilità di queste sanzioni e per i percorsi dei migranti espulsi dai sistemi di accoglienza sul territorio.

Sì è ribadita infine la volontà di proseguire il confronto su questi temi e di fare passi concreti verso la sottoscrizione del Protocollo.