(Sesto Potere) – Reggio Emilia – 23 dicembre 2022 – Il Consiglio di Stato, effettuando valutazioni anche di merito, ha annullato la sospensiva disposta dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nell’ottobre scorso in merito al rinnovo delle condizioni economiche alla scadenza.

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso del Gruppo Iren contro la sospensiva dell’Antitrust e aperto alle modifiche contrattuali unilaterali che comportano rincari in bolletta se il contratto è in scadenza.

In particolare, il pronunciamento del Consiglio di Stato mette in evidenza come il provvedimento dell’AGCM: “segua in materia sanzionatoria una interpretazione estensiva della norma di legge limitativa che può condurre a pregiudizi incidenti su singole imprese o prospetticamente sistemici che non appaiono adeguatamente valutati”.

Un pronunciamento accolto dal Gruppo Iren spa, società per azioni operante quale multiservizi, in particolare nella produzione e distribuzione di energia elettrica, nei servizi di teleriscaldamento, nella gestione dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e tecnologici, con soddisfazione.

“Un pronunciamento che potrà contribuire a chiarire al meglio una questione che coinvolge tutte le utilities, un comparto già duramente colpito dalla crisi energetica”: commenta Iren in una nota, nel ricordare come: “sia stata sempre al fianco dei propri clienti durante la crisi energetica e come abbia sempre rispettato le regole e le norme vigenti”.

Il Gruppo Iren spa, adesso, dice di attendere “con fiducia il pronunciamento nel merito del TAR Lazio, previsto a febbraio 2023”.