(Sesto Potere) – Bertinoro – 14 luglio 2021 – Nel corso del Consiglio comunale di Bertinoro riunitosi il 1° luglio in seduta solenne – aperta al pubblico, nel rispetto delle regole anti-contagio –

alla pieve di Polenta, è stata approvata all’unanimità la nuova denominazione della frazione di Polenta in “Polenta di Dante”.

A relazionare, dopo l’intervento del Sindaco Gabriele Fratto, è stata la professoressa Claudia Sebastiana Nobili del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Bologna, che ha tenuto una lectio magistralis “La voce di Francesca. Dante e l’amore cortese”.

In occasione delle iniziative dantesche per i 700 anni dalla morte, il Comune di Bertinoro desidera celebrare il legame tra la cittadina romagnola e il Sommo Poeta, che qui trovò rifugio presso Scarpetta Ordelaffi, Signore ghibellino di Forlì e di Bertinoro.

E di origine bertinorese era la famiglia dei Da Polenta, che ospitò Dante a Ravenna nei suoi ultimi anni di vita.

Anche due Canti della Divina Commedia testimoniano la presenza di Dante a Bertinoro e in particolare a Polenta: il Canto V dell’Inferno, dedicato a Paolo e Francesca e il Canto XIV del Purgatorio che ricorda, attraverso le figure di Guido del Duca e Arrigo Mainardi, la tradizione più significativa di Bertinoro: quella dell’Ospitalità.