(Sesto Potere) – Forlì- 15 febbraio- “Siamo disponibili a confronti e pronti a trovare accordi nell’arco parlamentare, in particolar modo quando si tratta di tutelare un patrimonio imprenditoriale nazionale come le imprese del settore turistico-balneare. Attività spesso di natura familiare che collegano generazioni diverse e che hanno fatto la storia delle nostre coste, queste imprese contribuiscono in maniera essenziale e determinante allo sviluppo del turismo nazionale e sono parte imprescindibile del tessuto sociale locale. Abbandonarle oggi significa mettere in ginocchio centinaia di imprese e migliaia di famiglie, esponendo le nostre coste al rischio dell’incuria: parliamo di realtà che hanno investito milioni di euro per la costruzione e l’ammodernamento di stabilimenti balneari con strutture anche di alto livello, impreziosite da piscine, ristoranti, aree ricreative. Se non li tuteliamo, poi, il rischio che risorse essenziali come le nostre spiagge finiscano in mano di multinazionali estere che nulla hanno a che vedere con l’ospitalità, l’accoglienza e la passione dei nostri balneari”. Così Simona Vietina, deputato di Coraggio Italia e delegato d’aula.