Autotrasporto, Ruote Libere: “parco mezzi vetusto e inquinante, il 13% euro 0″

0
284
Cinzia Franchini, di Ruote Libere

(Sesto Potere) – Bologna – 19 marzo 2021 – Sono complessivamente 4.646.659 gli autoveicoli per il trasporto di cose circolanti secondo gli ultimi dati forniti dal CED del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili. Di questi 641.811 sono Euro 0 o precedenti pari al 13,81%. Nel dettaglio si tratta di 216.488 mezzi sopra le 3,5 tonnellate e 425.323 sotto le 3,5 ton. Gli Euro 6 sono invece 936.518, il 20,15%. Nello specifico si tratta di 143.731 mezzi sopra le 3,5 tonnellate e 792.787 sotto le 3,5 tonnellate. Gli Euro 1 sono 271.680 (5,85%), Euro 2 sono 557.391 (12%), Euro 3 812.764 (17,49%), Euro 4 sono 762.337 (16,41%) Euro 5 sono 664.158 (14,29%)“.

A sintetizzare i numeri forniti dal CED sull’autotrasporto in Italia è Cinzia Franchini, imprenditrice modenese, portavoce del raggruppamento di piccoli imprenditori del trasporto merci Ruote Libere.

“Del parco circolante 783.338 veicoli sono sopra alle 3,5 tonnellate pari al 16,86%, 3.863.321 sono mezzi sotto alle 3,5 tonnellate. 

“Sono dati che ci restituiscono una fotografia di un parco veicoli obsoleto in cui siamo ancora molto lontani da un rinnovamento sostanziale verso mezzi meno inquinanti, tant’è che il 64,56% dei veicoli ha più di 11 anni. Davanti a questi numeri ci auguriamo dal ministro Giovannini una presa di coscienza della complessa realtà nella quale il suo ministero è chiamato ad operare – continua Cinzia Franchini -. Se il cambio di nome del ministero da ‘Trasporti’ a ‘Mobilità sostenibili’ riflette una esigenza di rinnovamento anche delle flotte, è anche vero che con una congiuntura economica simile servirà tempo per arrivare a risultati significativi.”

“Un tempo che inevitabilmente sarà proporzionale agli incentivi concreti che il Governo riuscirà a mettere in campo a favore delle aziende di autotrasporto. Parliamo spesso di piccole realtà mono veicolari le quali, da sole o con pochi aiuti, pur volendolo fare oggi non possono permettersi di sostituire i propri vecchi mezzi”: conclude la portavoce di Ruote Libere Cinzia Franchini.