Ausl Romagna, Di Maio (Iv) telefona al nuovo dg Carradori

0
166

(Sesto Potere) – Forlì – 30 giugno 2020 – “Nel programmare il nuovo corso dell’Ausl Romagna, c’è un tema che è preliminare a tutto il resto: il coinvolgimento, la motivazione e la vicinanza a tutto il personale che lavora nelle strutture sanitarie. E non si tratta solo degli operatori medici, dottori e infermieri; ma anche tutto il personale tecnico e amministrativo, fondamentale per garantire i servizi di supporto. La sanità è fatta dalle persone per le persone”. Lo afferma il deputato Marco Di Maio, al termine di un colloquio telefonico col nuovo direttore generale dell’Ausl Romagna Tiziano Carradori al quale ha rivolto i migliori auguri di buon lavoro.

“Ho volutamente atteso che venisse fatta la nomina formale della Regione e che si celebrasse il voto libero dei sindaci del territorio prima di sentirlo – afferma – Perché tengo molto all’autonomia dei ruoli e so bene quanto delicate siano queste nomine. E mi dispiace che ancor prima di cominciare a lavorare si registrino polemiche dal sapore campanilistico che certo non sono d’aiuto. Tuttavia sono certo che Carradori saprà dare una forte impronte all’azienda mettendo in campo una sapiente visione d’insieme: lo considero un professionista di altissimo livello, che già conosce il territorio per averci lavorato in passato con incarichi di responsabilità e per viverlo ogni giorno”.

Secondo il parlamentare romagnolo cinque sono gli assi su cui lavorare: “è fondamentale partire da una ricognizione di ciò che funziona e non funziona nelle prestazioni fornite ai cittadini; potenziare i servizi di prossimità sul territorio; costruire un legame ancor più solido ed efficace tra azienda sanitaria e Irst-Irccs di Meldola (evitando ridicole gelosie territoriali) per sviluppare ulteriormente la rete oncologica; assicurare il miglior avvio possibile per il progetto Romagna Salute che porterà i corsi di laurea di Medicina e chirurgia a Forlì e Ravenna e accrescerà la presenza di UniBo su tutto il territorio; definire in maniera chiara le vocazioni e le competenze di ciascun ospedale, anche in considerazione del futuro nuovo ospedale di Cesena”.

In conclusione Marco Di Maio sottolinea nuovamente come “l’Ausl Romagna è la più grande azienda del territorio: il clima interno è decisivo per assicurare il buon funzionamento del nostro sistema sanitario. Che è così di eccellenza grazie alla dedizione delle donne e degli uomini che ogni giorno prestano il proprio lavoro in azienda: per questo meritano la massima considerazione e valorizzazione”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here