Attacco gruppo neofascista a sede Cgil e Pd di Castrocaro Terme

0
154

(Sesto Potere) – Forlì – 27 luglio 2020 – Tra sabato e domenica, probabilmente nelle notte, è stata violata la bacheca sindacale della Camera del Lavoro di Castrocaro Terme e Terra del Sole, con un volantino inneggiante il fascismo  siglato dal logo di un movimento neofascista  definito Azione Frontale (vedi foto). E’ stata in particolare oltraggiata l’insegna della sede dello SPI CGIL. Sono state avvisate le forze dell’ordine che immediatamente si sono recate sul posto.

 “Una chiara volontà politica di attacco ai valori democratici che la CGIL rappresenta”: commentano in una nota congiunta la segretaria generale della CGIL di Forlì Maria Giorgini, la segretaria della SPI CGIL di Forlì Marzia Abbonizio, il segretario territoriale del PD Daniele Valbonesi e la presidente di Unica Coop Giuliana Maltoni che ritengono opportuno rendere noto: “lo sdegno verso gesti di questo tipo e far avere tutta la solidarietà alle compagne e compagni che operano nella sede territoriale della CGIL di Castrocaro rappresentando le lavoratrici e i lavoratori, pensionate e pensionati , e  svolgendo un importante ruolo di servizio alla comunità”.

Anche la Cooperativa Unica proprietaria dello stabile si unisce all’indignazione verso tale gesto che: “offende la nostra memoria e la nostra storia in una sede che è quella dove lavoro , diritti e solidarietà vengono quotidianamente praticati”.

Maria Giorgini

L’immobile è anche la sede del Circolo PD di Castrocaro Terme e Terra del Sole. E dunque il PD forlivese esprime la propria indignazione per quanto accaduto: “Azioni come queste sono una continua violazione dei valori fondanti del Partito Democratico. Il fatto che ancora oggi movimenti neofasciti abbiano libertà di azione è un tema sul quale, anche noi, continueremo a batterci, per rispetto della Costituzione, dei nostri cittadini e di chi è morto per liberarci dal fascismo e ridarci la libertà. Esprimiamo grande solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori della Cgil e ai pensionati dello Spi”.

“Ci chiediamo infine come una forza dichiaratamente fascista , che rinnega la storia possa continuare ad operare, per queste ragioni continueremo a batterci sempre per la democrazia e per i valori della nostra Costituzione basata sull’antifascismo”: concludono Maria Giorgini, Marzia Abbonizio, Daniele Valbonesi e Giuliana Maltoni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here