(Sesto Potere) – Meldola – 29 gennaio 2022 – “Questa mattina ho appreso con grande tristezza la notizia della scomparsa di Pier Claudio Pantieri (nella foto in alto, ndr), scultore e pittore nato a Meldola nel 1927. Pantieri è stato un protagonista dell’arte romagnola contemporanea, riuscendo a farsi conoscere anche in campo europeo e internazionale. La Città di Meldola ha avuto l’onore di assegnare a Pantieri il Premio Nella Versari nel 2004, organizzando una mostra di ceramiche e dipinti che ripercorreva i diversi periodi e le tendenze creative attraversate dall’artista nel corso del tempo. La sua ultima personale a Meldola risale al Natale del 2017: in quell’occasione il Maestro Pantieri ha donato al nostro Comune un bel dipinto che ritrae uno dei temi a lui più cari, il gallo (nella foto qui a lato, ndr), simbolo della realtà contadina e ancestrale della Romagna.”:

ricorda il sindaco di Meldola Roberto Cavallucci in una lunga nota di cordoglio. Parole commosse che si aggiungono a quelle del sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini.

“Diplomatosi all’Istituto d’Arte per la Ceramica di Faenza, Pier Claudio Pantieri si era dedicato inizialmente alla ceramica e poi alla pittura, realizzando opere ispirate a Picasso, al neorealismo degli anni Cinquanta, alle sperimentazioni delle avanguardie e dell’arte informale, ammirate in numerose esposizioni in Italia e all’estero. La sua scomparsa lascia un grande vuoto e riempie di cordoglio, poiché Pantieri, pur risiedendo e operando da tempo a Forlì, era conosciuto e apprezzato da tutti, restando sempre legato alla sua città natale, spesso lo si poteva incontrare per le vie e i portici, agli eventi culturali, alle mostre”: racconta il sindaco Cavallucci che esprime alla famiglia ed a tutti i suoi cari, a nome dell’ Amministrazione Comunale e di tutta la Città, “le più sentite condoglianze”.