Arpae Emilia-Romagna, fino a 400 euro per premiare chi va al lavoro in bici

0
196

(Sesto Potere) – Bologna – 11 settembre 2020 – Fino a 400 euro l’anno per chi usa la bicicletta per andare al lavoro. E’ partito l´1 settembre scorso il progetto “Bike to work”, nato dalla collaborazione tra Arpae e la piattaforma per la mobilità sostenibile Wecity.

Il programma premierà chi utilizza le due ruote nel tragitto casa-lavoro ed è potenzialmente rivolto a tutti i 1.270 dipendenti di Arpae: 100 quelli che già hanno aderito nella prima settimana.

Il progetto ha una durata sperimentale di 18 mesi. Al termine del primo anno saranno valutati, grazie al monitoraggio dei percorsi effettuato dalla app Wecity, i benefici concreti per l’ambiente, in termini di miglioramento della qualità dell’aria e di minori emissioni di CO2. 

“Arpae, adottando il progetto Bike to work, si è posta l´obiettivo di portare entro la fine del 2021 dal 15 al  20% la percentuale di lavoratori che, per gli spostamenti casa-lavoro, rinunciano all’automobile a favore di un mezzo più sostenibile”, ha spiegato il direttore di Arpae, Giuseppe Bortone. “Al momento le 100 persone che si sono iscritte al progetto hanno già percorso in bicicletta 620 km totali e permesso di risparmiare in tutto 90 kg di CO2”. 

Il progetto “Bike to work”

Dal 1° settembre 2020 chi utilizza le due ruote negli spostamenti tra casa e lavoro potrà ricevere 15 centesimi per ogni km pedalato nel tragitto di andata e ritorno.

Le premialità, previste direttamente in busta paga, cambieranno in base all’effettivo utilizzo della bicicletta: si potrà arrivare fino a 400 euro in un anno se si usa esclusivamente la bicicletta per il tragitto casa-lavoro e fino a 200 se si abita in una città diversa rispetto a quella della sede di lavoro e si usa la bici insieme ad altri mezzi pubblici (treno e bus). 

bicicletta

Le premialità verranno corrisposte ogni 6 mesi sulla base dei chilometri percorsi registrati dall’applicazione Wecity,installata sullo smartphone degli aderenti all’iniziativa.

I partecipanti, al momento della registrazione, devono dichiarare di disporre di una bicicletta con le caratteristiche prescritte dal Codice della strada e dal relativo Regolamento di esecuzione, e di rispettare tutte le norme previste e le comuni regole di prudenza.

Il progetto avviato da Arpae e Wecity si affianca alle iniziative simili promosse da altri 9 soggetti pubblici e diversi privati (tra cui note aziende della grande distribuzione e della moda) uniti dall’obiettivo comune di promuovere l’uso della bici e, in generale, la mobilità sostenibile.

L’iniziativa è in linea con gli obiettivi della legge regionale 10/2017, con cui il legislatore dell’Emilia-Romagna si è posto l´ambizioso traguardo di raddoppiare la mobilità ciclopedonale, che già partiva da una percentuale di spostamenti doppia rispetto a quella nazionale: 10% contro il 5% del dato italiano (dati 2017).

Arpae

L’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell´Emilia-Romagna (Arpae) è stata istituita con la legge regionale n.13/2015 ed è operativa dal primo gennaio 2016. Integra le funzioni di Arpa (legge regionale n.44/1995) e dei Servizi ambiente delle Province.

Arpae esercita, in tema ambientale ed energetico, le funzioni di concessione, autorizzazione, analisi, vigilanza e controllo, nelle seguenti materie: risorse idriche; inquinamento atmosferico, elettromagnetico e acustico, e attività a rischio d´incidente rilevante; gestione dei rifiuti e dei siti contaminati; valutazioni e autorizzazioni ambientali; utilizzo del demanio idrico e acque minerali e termali.

WeCity

WeCity è la piattaforma che premia ogni forma di mobilità sostenibile attraverso programmi di incentivi e gamification capaci di generare un cambio comportamentale negli utenti e favorire così sempre di più gli spostamenti a piedi, l’uso della bici e del trasporto pubblico a scapito dell’auto privata. Fondata a Modena nel 2014 come PMI innovativa, nel 2020 a seguito della pandemia si è trasformata in Società Benefit (SB). 

Il team di Wecity è composto da ingegneri nel campo della mobilità sostenibile e del carbon trading, con esperienze pregresse sia presso amministrazioni pubbliche che grandi corporation, da sviluppatori con oltre 20 anni di esperienza e professionisti del marketing digitale, del design di applicazioni mobile e della gestione di community digitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here