(Sesto Potere) – Forlì – 19 ottobre 2022 – Primo finanziamento per l’Area Interna dell’Appennino Cesenate e Forlivese, costituita dai 9 Comuni di Civitella di Romagna, Galeata, Portico e San Benedetto, Premilcuore, Rocca San Casciano, Santa Sofia, Tredozio, Bagno di Romagna e Verghereto.

Nell’ambito del PNRR, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) ha approvato il decreto di riparto di 50 milioni di euro per gli anni 2023 e 2024 destinati ad interventi straordinari di manutenzione delle reti stradali relative alle 43 Aree Interne italiane.

In concreto, per l’Area Interna dell’Appennino della Provincia di Forlì-Cesena si tratta del primo finanziamento di 1.430.501 euro (572.200 euro per il 2023 e 858.301 per il 2024).

Con queste risorse potranno essere finanziati interventi che assicurino il miglioramento dell’accessibilità delle aree interne, inquadrati in un piano organico di miglioramento delle condizioni del trasporto e possono riguardare strade di competenza regionale, provinciale o comunale.

La Provincia di Forlì-Cesena è individuata come soggetto attuatore, ed è quindi chiamata sia a ricevere il finanziamento che ad occuparsi della progettazione e della realizzazione degli interventi, d’intesa con i Comuni interessati. Secondo i tempi stabiliti dal decreto, il programma degli interventi andrà presentato entro il prossimo mese di marzo, ed i lavori avviati nella primavera seguente.

“Si tratta di un primo finanziamento, che – seppur di dimensioni non esaltanti – ci conferma il carattere strategico del lavoro svolto affinché il nostro Appennino venisse riconosciuto tra le 43 Aree Interne del Paese – commentano Marco Baccini e Daniele Valbonesi, Consiglieri delegati alle politiche per la montagna e le aree interne.- Un lavoro di coordinamento e cooperazione che ha unito i Sindaci dei 9 Comuni e la Provincia nella predisposizione di un progetto unitario di sviluppo, che ha raggiunto l’obiettivo perseguito. Al riguardo, intendiamo esprimere un ringraziamento alla Regione Emilia-Romagna che ci ha sostenuto fattivamente, alla Fondazione Cassa di Risparmi di Forlì che ci ha supportato ed al Governo Draghi che si è speso affinché venisse riconosciuta l’Area Interna dell’Appennino Cesenate e Forlivese. Riconoscimento che oggi ci permette di concorrere alla Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI) che mira a contrastare la marginalizzazione ed i fenomeni di spopolamento tipici delle aree interne del nostro Paese con investimenti sulla promozione e sulla tutela della ricchezza del territorio e delle comunità locali, valorizzandone le risorse naturali e culturali, creando nuovi circuiti occupazionali e nuove opportunità”.

“Per rendere le aree interne “più vicine” bisogna partire dagli investimenti sulle strade. Nelle prossime settimane – conclude il Presidente della Provincia Enzo Lattuca – convocherò l’Assemblea dei Sindaci dei 9 Comuni coinvolti per programmare insieme, in una logica di comunità, come investire il milione e quattrocento mila euro in arrivo dal Ministero.”