Appennino Bolognese, protocollo di intesa per la promozione e valorizzazione

(Sesto Potere) – Bologna – 23 gennaio 2019  –  Per incrementare in modo coordinato lo sviluppo turistico, i Comuni di Loiano, Monghidoro, Monzuno e San Benedetto Val di Sambro, l’Unione Appennino Bolognese e l’Unione Savena Idice, Confcooperative Bologna, Confcommercio-ASCOM, e il Gruppo di studi Savena Setta Sambro, hanno sottoscritto un protocollo di intesa per la promozione e valorizzazione del territorio dell’Appennino Bolognese e, nello specifico, delle Valli del Setta, del Savena e del Sambro.

appennino bolognese

Il protocollo sottolinea l’importanza della collaborazione tra pubblico e privato in continua collaborazione con la Destinazione Turistica della Città metropolitana di Bologna e con la sua DMO Bologna Welcome.

Il protocollo individua nelle comunità i pilastri su cui fondare le azioni di un’area vasta, ricca di bellezze e di peculiarità storico-ambientali che devono essere, ancor prima che promosse come attrattive turistiche, salvaguardate, difese e rese fruibili agli stessi cittadini e ai visitatori-turisti.

Le parti firmatarie individueranno strategie comunitarie attraverso un Comitato di Indirizzo e Comitato Tecnico che insieme realizzeranno un piano operativo che, oltre alle strategie di comunicazione e promozione coese, preveda tra l’altro: programmi di alternanza scuola-lavoro per stage formativi

appennino bolognese

rivolti ai giovani, la diffusione della rete interna ai Comuni della sentieristica ,  individuare uno spazio di lavoro dedicato alla Cooperazione per il turismo sui territori e in particolare alle Cooperative di Comunità per rafforzare e valorizzare gli assetti e le competenze nella programmazione turistica con particolare attenzione al Turismo culturale.

Tutto ciò rafforzando imprescindibilmente le eccellenze del territorio che si sviluppano attorno ai prodotti turistici su cui Destinazione Turistica, Tavolo dell’Appennino e Bologna Welcome stanno già lavorando: La via degli Dei, La Futa, la Linea Gotica, la Flaminia Minor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *